Uno dei divieti di sosta in via Pergolesi nel 2012 (foto di archivio)

RICEVIAMO e pubblichiamo la replica del segretario cittadino di “Unimpresa” Gianluigi Valente in merito all’articolo pubblicato ieri sul nostro giornale dal titolo “In via Pergolesi il divieto di sosta è…fittizio

LA REPLICA – Gentile Direttore, mi chiamo Gianluigi Valente e sono sia un esercente di via Pergolesi, che il segretario cittadino di Unimpresa. Le scrivo in merito all’articolo apparso oggi (ieri 2 luglio), in cui si parla di “apparente impunità più totale per la sosta su entrambi i lati di via Pergolesi”.

Giacchè sono stato anche il promotore delle rimostranze del 2 agosto scorso a cui si fa riferimento nell’articolo, Le vorrei illustrare meglio la condizione attuale. Subito dopo quella manifestazione, abbiamo chiesto incontri in più di un’occasione con l’attuale Amministrazione: richieste di incontro che, purtroppo, non hanno mai avuto seguito.

Ragion per cui, oggi, i vigili urbani si trovano a gestire una situazione a volte non semplice, in cui gli stessi vigili non sono altro che esecutori di un sistema amministrativo che di sicuro non ha nel confronto la sua arma migliore.

La ringrazio per le precisazioni che mi ha consentito di fare e colgo l’occasione di elogiare pubblicamente il buon senso dei vigili urbani e quello dei commercianti e abitanti di via Pergolesi, i quali, ognuno per la propria parte, fanno in modo che una situazione di questo tipo non abbia modo di degenerare.