Operatori ecologici al lavoro

POZZUOLI – L’estensione della raccolta differenziata a tutto il quartiere di Via Napoli ha dato si suoi frutti. Dal 37,9% di agosto di è saliti al 41,7 di ottobre, quasi 4 punti percentuali che non vanno tutti ricercati nell’apporto domestico. Infatti, la crescita così imponente del dato è da cercare anche nel fattore “eliminazione cassonetti grigi”. Non avendo più i cassonetti in strada viene ad abbassarsi quella percentuale di “errore” che spesso accompagnava il deposito dei rifiuti sopratutto da parte dei pubblici esercizi, quali bar, pub, ristoranti pizzerie e tutti i locali di intrattenimento. Inoltre, qualora ci fosse ancora “errore” non ci si può più nascondere dietro l’anonimato, ma si è direttamente responsabili.

PRESTO A LA PIETRA – Quando poi il porta a porta sarà esteso anche a tutta La Pietra il dato avrà un nuovo picco. Infatti, la vicinanza dei cassonetti grigi di La Pietra, porta ancora qualcuno, residente od esercente che sia, a bluffare gettando così i rifiuti indifferenziati laddove non c’è ancora il porta a porta.

PROSSIMI OBIETTIVI – Via Napoli dimostra come l’unico porta a porta che funziona è quello totale, che elimina ogni tipo di conferimento in strada e proprio per questo è priorità per il Comune di Pozzuoli, oltre che stendere il porta porta nelle zone ancora non raggiunte dal servizio, allineare le parti di città dove esiste ancora il conferimento del secco indifferenziato per strada (i parchi privati dove parti nel 2009 la prima esperienza dio raccolta porta a porta) con il resto della città dove si applica la raccolta a domicilio totale. Il 2013 potrebbe essere l’anno della svolta finale, l’arrivo del finanziamento approvato, l’assegnazione dell’appalto della durata di sei anni ed il rodaggio di tutto quanto già fatto fino ad oggi, dovrebbero portare portare Pozzuoli a pari livello dei comuni più virtuosi della Provincia di Napoli e di tutta la Campania.

ANGELO GRECO