Il taglio del nastro

POZZUOLI – Uno sportello antiracket all’interno di quel mercato ittico che 9 anni fa la magistratura decretò come palcoscenico della malavita che si insinuava, nel tessuto economico, sociale e politico della città di Pozzuoli. Questa mattina il simbolico taglio del nastro della stanza che ospiterà il punto d’ascolto cittadino preceduto da una sostanziosa presentazione alla città ed alla stampa. All’inaugurazione, avvenuta all’interno della sede del Mercato Ittico all’ingrosso, in via Nicola Fasano 17, hanno partecipato il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, il coordinatore nazionale di Sos Impresa Luigi Cuomo, il presidente nazionale della «Rete per la Legalità» Lorenzo Diana, il commissario regionale antiracket e antiusura Franco Malvano, il viceprefetto dirigente del Servizio Ordine e Sicurezza (Ufficio assistenza alle vittime del racket e dell’usura) della Prefettura di Napoli Gabriella D’Orso e il vicario episcopale della Curia di Pozzuoli don Ferdinando Carannante. Erano presenti, inoltre, tutti i responsabili locali delle forze dell’ordine e alcune classi della scuola media Diaz, del liceo scientifico Virgilio e dell’istituto statale Pitagora.

Luigi Cuomo - presidente nazionale della «Rete per la Legalità»

GIA’ ARRIVATE NUMEROSE DENUNCE – Intanto sono già decine le richieste di aiuto giunte al numero verde da cittadini vittime di estorsioni o di usura, grazie ai manifesti fatti affiggere in questi giorni dall’amministrazione comunale di Pozzuoli. Il dato è venuto fuori proprio questa mattina nel corso della presentazione ufficiale dello Sportello antiracket e antiusura istituito nel Comune di Pozzuoli. Lo Sportello del Progetto «L’amico giusto», il cui messaggio di legalità compare da sabato sul sito istituzionale del Comune di Pozzuoli, nasce dunque sotto buoni auspici.

“OPERA DI PULIZIA IN CITTA’ ” –  Ha aperto la mattinata il Sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia «Un passo che abbiamo deciso di fare proprio in una struttura che è il simbolo della lotta alla camorra. Ho vissuto direttamente quella situazione e non ho motivi per non parlarne. Proprio da quel giorno è iniziata un’opera di pulizia in questa città – ha spiegato il Sindaco di Pozzuoli che poi si è soffermato sui milioni di euro che nei prossimi mesi arriveranno nel più grande dei comuni Flegrei – Sono in arrivo grossi finanziamenti dall’Europa: oltre 20 milioni di euro che investiremo sul rifacimento del centro storico della piazza e di tanto altro ancora. Non possiamo permettere che finiscano nelle mani della camorra».

LUIGI CUOMO – La parola è passata a Luigi Cuomo di  «A Pozzuoli, la camorra è diventata più forte e più ricca dopo gli investimenti post terremoto. Lo sportello che stiamo aprendo assieme al numero verde, non possono certamente risolvere da soli i problemi. La parte più sensibile della città deve giocare il suo ruolo. Ad esempio due anni fa quando ci fu quell’importantissima operazione delle forze dell’ordine che smantellò il clan Longobardo-Beneduce, mancò proprio gli interventi di sostegno al lavoro svolto». Lo sportello inaugurato oggi ha solo un’allocazione simbolica nel mercato ittico: infatti, l’interfaccia con chi si rivolgerà ai servizi di sostegno sarà il numero verde nazionale e gli incontri con chi interpellerà lo sportello per ovvi, motivi di privacy si faranno in un luogo diverso da Pozzuoli.

ANGELO GRECO