Un momento di tensione fuori il mercato ittico

POZZUOLI – Tensione questa mattina all’esterno della palazzina che ha ospitato il primo consiglio comunale. Circa 30  persone in rappresentanza del Comitato “No alla discarica al Castagnaro” hanno inscenato una rumorosa protesta con megafoni, sirene e striscioni tentando di entrare all’interno dei locali del Mercato Ittico all’ingrosso per protestare contro la mancata decisione di svolgere il consiglio nell’area del Castagnaro. Le forze dell’ordine, preposte al controllo, avevano deciso di far entrare solo una rappresentanza del comitato (cinque membri) e non tutta la delegazione facendo così salire la tensione tra i manifestanti con i quali c’era anche il presidente del comitato anti-discarica Giuseppe Rossi.

CONTESTAZIONI – Lo sparuto gruppetto ha contestato anche diversi consiglieri comunali che si apprestavano ad entrare nella palazzina di via Fasano. Animi accesi, ma senza incidenti, quando è arrivato il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, “reo” secondo i manifestanti di non aver tenuto fede alla “promessa” di svolgere il primo consiglio comunale all’interno dell’ex Cava del Castagnaro.

SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO – Proteste che sono proseguite con molti rappresentanti del comitato che non volevano saperne di restare fuori dall’aula delegata ad ospitare il Consiglio. Successivamente, iniziati i lavori, si è poi deciso di fare salire i manifestanti, a patto che questi posassero megafoni e sirene per consentire il regolare proseguo dei lavori. Una volta dentro, i “contestatori” che indossavano t-shirt “No Tav” e “No alla discarica” hanno esposto uno striscione e intonato slogan per dire “no” alla discarica al Castagnaro.

LE FOTO (di Angelo Greco)
[cronacaflegrea_slideshow]