L'incontro tra il Sindaco e i rappresentanti di "Botteghe del Centro Storico"

POZZUOLI – Al cospetto dell’interlocutore atteso da un anno di “buio” commissariale si sarebbe disciolto il “fronte comune”. Viabilità, movida selvaggia, mancanza dei parcheggi, problemi annosi, battaglie che le sigle sindacali dei commercianti portano avanti da anni, tutti uniti. Pozzuoli oggi è un vulcano pronto ad esplodere.  Oggi al cospetto di un Sindaco il fronte sembra disgregarsi. Sta nascendo l’associazione “Botteghe del Centro Storico di Pozzuoli” “Prevediamo 60-70 iscritti tra i commercianti del centro storico. Non ci rivediamo né in Ascom né in Confesercenti” spiega Nello Di Bonito, tra i fautori dell’iniziativa.

Giovanni Falcetti - Casa Artigiani

LE POLEMICHE – Ieri (21 luglio 2o11) una loro delegazione è stata ricevuta dal Sindaco Agostino Magliulo a palazzo “Migliaresi” al Rione Terra. Mattinata impegnativa per il primo cittadino:  prima gli operai della ditta impegnata nei lavori al Rione Terra che mercoledì avevano minacciato di occupare gli uffici del Comune al Rione Toiano, poi i commercianti. Prima il presidente dell’Ascom, poi quelli della nuova associazione. Mancavano le altre sigle, non le polemiche.

GIOVANNI FALCETTI (CASA ARTIGIANI) – “Abbiamo fatto  sempre fronte comune non capisco queste iniziative solitarie. Il tavolo delle trattative deve essere unito, non frammentato. Portiamo avanti queste lotte da 4 anni, solo per il bene della città” spiega Giovanni Falcetti presidente di “Casa Artigiani”, assente ieri mattina.

Vincenzo Addati - Ascom

VINCENZO ADDATI (ASCOM) – “CNA e Confesercenti erano a conoscenza che il primo incontro con Sindaco e Assessori l’Ascom l’avrebbe fatto da solo “ ha risposto Vincenzo Addati, presidente  “Ascom – Confcommercio” “Ad un tavolo istituzionale si va a sedere un sindacato. Siamo rammaricati se qualcuno abbia deciso di correre da solo. Così facendo si va ad inficiare l’unione dei commercianti. Io sono andato a parlare con il Sindaco delle problematiche di tutta la città e non solo del centro storico”.

Daniele Lattero - Confesercenti

DANIELE LATTERO (CONFESERCENTI) – “Il sindaco è tenuto a convocare e sentire le associazioni di categoria. Ma rimaniamo sorpresi dall’incontro con questa associazione. Il primo cittadino può ovviamente ricevere chiunque, ma il rapporto istituzionale è con le associazioni” spiega Daniele Lattero, presidente della Confesercenti Pozzuoli che ribadisce “Il fronte è unito e  noi commercianti tutti siamo uniti”.

LE PROPOSTE DELLA NUOVA ASSOCIAZIONE – Revisione delle ZTL (Zone a Traffico Limitato); apertura diurna di via Serapide oggi vietata alle auto per l’intera giornata; strisce blu in tutto il centro cittadino; lotta a falsi permessi per invalidi e residenti. Queste le proposte della neo-associazione al sindaco Magliulo, oltre alle annose problematiche riguardanti sicurezza, mancanza di parcheggi e posteggiatori abusivi. In totale su tutto il territorio cittadino si conterebbero oggi oltre 100 parcheggiatori abusivi, che operano nell’arco delle 24 ore.

Il tavolo con il sindaco

PARTONO I CONTROLLI – Da stasera partirà la “task force” voluta dal sindaco a seguito del recente tavolo di concertazione col Prefetto Andrea De Martino. Nonostante le difficoltà del corpo, la mancanza di fondi e le difficoltà nel pagare gli straordinari, da stasera e per tutto il week end saranno impegnate 8 pattuglie ( a fronte delle 3 che operano quotidianamente su tutto il territorio) di caschi bianchi fino alle 2 del mattino. Un’azione preventiva e repressiva in coordinamento con Carabinieri e Polizia contro la movida selvaggia.

IL SINDACO CHIEDE IL “PUGNO DURO”  – “ Abbiamo avviato i contatti per l’apertura del Molo Caligoliano. Per il fine settimana sarà aperto il parcheggio nell’area ex Sofer fino alle 2 di notte e siamo in attesa del collaudo al parcheggio Multipiano di via Napoli” ha annunciato durante l’incontro con la nascente associazione di commercianti il Sindaco Agostino Magliulo che annuncia il pugno di ferro contro gli automobilisti indisciplinati “L’andazzo della sosta selvaggia dovrà terminare. Non voglio vedere più auto ferme in divieto anche solo per un secondo”.

GENNARO DEL GIUDICE
[email protected]