POZZUOLI – Il Tar ha accolto la richiesta di sospendere l’efficacia della delibera con la quale era stata disposta la chiusura totale della galleria Monte Corvara per quasi due mesi. A rivolgersi al Tribunale amministrativo sono stati titolari di attività economiche della zona e residenti. Il ricorso è stato presentato contro la Città metropolitana di Napoli e nei confronti della ditta avrebbe dovuto svolgere i lavori all’interno del tunnel. La Settima sezione ha dunque accolto la richiesta cautelare, ma entrerà nella fase di merito soltanto il prossimo 21 marzo.

MISURA CAUTELARE – Secondo i magistrati «sussistono esigenze cautelari meritevoli di essere tutelate» sottolineando «la necessità di contemperamento tra gli interessi pubblici e privati coinvolti nella vicenda». Al centro c’è soprattutto la sicurezza. La galleria, infatti, è stata concepita come via di fuga in caso di calamità, e la chiusura totale dal 13 febbraio al 7 aprile inciderebbe non poco sotto questo aspetto.

IL FRONTE DEL NO – Nei giorni scorsi erano stati i Comuni di Pozzuoli e Quarto  diffidare piazza Matteotti dall’iniziare i lavori, così come programmati. I due enti, inoltre, hanno chiesto una conferenza dei servizi per modificare la tabella di marcia degli stessi lavori. Tra le ipotesi, l’apertura del cantiere soltanto di notte o l’istituzione di un senso unico di marcia.