Le porte della Chiesa ormai sono vittima dei "writers"

POZZUOLI – Un gioiello dell’architettura ecclesiastica del 1600, abbandonato nella più totale incuria e vittima dei “writers”. Parliamo della “Chiesa della Santa Croce”, nota a Pozzuoli come “Chiesa del Purgatorio” edificata nel 1639 dalla “Confraternita della Buona Morte” . La Chiesa, sconsacrata e quindi di proprietà del Comune di Pozzuoli sorge sui gradoni Raffaello Causa proprio ai piedi de Rione Terra e versa nell’abbandono e nell’incuria più totale. Un tempo, una decina di anni fa, il Comune di Pozzuoli al suo interno organizzava eventi culturali, incontri, dibattiti, ora la piccola struttura è chiusa da anni.

UN TRISTE SPETTACOLO – Erba alta sui gradini di accesso, rifiuti, intonaco che cade dalla facciata principale, graffiti sulla porta e lungo la scalinata: è così che oggi si presenta agli occhi del visitatore la preziosa Chiesa del diciassettesimo secolo. Un abbandono che va anche oltre l’aspetto esteriore dato che da anni nessuno parla più della valorizzazione di un “monumento” che ha quasi 500 anni di vita. Verrebbe ironicamente da dire: “dopo che per secoli questa Chiesa è stata il luogo dove i fedeli puteolani pregavano per la salvezza delle “povere anime del Purgatorio”, oggi qualcuno dovrebbe iniziare a pregare perchè si salvi questo pezzo di storia…”

 

ANGELO GRECO

LE FOTO

[cronacaflegrea_slideshow]