LU5_4783POZZUOLI – Un “Grande Fratello” che sorveglia tutto il centro storico cittadino. L’azienda romana DAB ieri ha consegnato alla città di Pozzuoli l’intero impianto di video sorveglianza che osserverà 24 ore al giorno il Centro Storico, Via Napoli e Pozzuoli alta. Centoquattro telecamere, una colonnina di sos (sul lungomare Pertini) e una telecamera mobile formeranno una rete di occhi artificiali all’avanguardia che saranno collegati, attraverso la fibra ottica, con la centrale operativa dei vigili urbani, pronti ad intervenire ad ogni evenienza. Immagini ad alta definizione che potranno servire anche per le indagini di polizia.

telecamere videosorveglianzaIN FUTURO LE PERIFERIE – Per ora la rete lascia scoperte le periferie sulle quali si arriverà solo in un secondo momento, quando si troveranno i fondi che potrebbero arrivare da Roma attraverso una legge nazionale. A spiegarlo è il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia: «Per ora abbiamo scelto di coprire una determinata parte di città, poi chiaro che il prossimo passaggio sarà dotare di videosorveglianza i quartieri di Monterusciello e Toiano, il progetto è pronto ci servono solo i fondi».

POLIZIA E CARABINIERI – Gli occhi delle telecamere non sono utili solo alla “Municipale” di Pozzuoli ma anche a Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza, come spiega il comandante del corpo di Polizia Municipale Carlo Pubblico: «Le telecamere le stiamo utilizzando da un pò e già abbiamo collaborato soprattutto con polizia e carabinieri per supporto ad alcune indagini che stanno portando avanti».