Gli Lsu all'interno del comune di Pozzuoli (foto repertorio)

POZZUOLI – Tensione questa mattina al comune di Pozzuoli dove un gruppo di Lavoratori Socialmente Utili ha dato vita ad una protesta dai toni forti e accesi che ha reso necessario l’intervento degli agenti di Polizia del Commissariato di Pozzuoli. I poliziotti, intervenuti insieme agli agenti del corpo di Polizia Municipale di Pozzuoli, hanno tenuto la situazione sotto controllo evitando che la situazione degenerasse. Il sit-in di protesta era stato organizzato dagli LSU addetti alla sosta che contestavano i nuovi trasferimenti voluti dall’Amministrazione.

IL CAOS –  In mattinata, il gruppo di socialmente utili dopo aver chiesto e ottenuto il permesso di assentarsi per 2 ore dal proprio posto di lavoro, si era riunito in assemblea pubblica presso la casa comunale al Rione Toiano. Giunti alla palazzina del sindaco, gli LSU chiedevano di un incontro con l’assessore all’ambiente Francesco Cammino che però non era presente al comune. Intanto i toni si accendevano e si viveva qualche attimo di tensione. Tra i bersagli dei manifestanti finiva anche qualche consigliere comunale presente in quel momento nella palazzina. Urla, qualche spintone e la tensione che aumentava e che costringeva gli agenti della Municipale presenti all’ingresso di chiedere l’intervento delle forze dell’ordine. Giunti sul posto, i poliziotti riportavano la situazione alla calma. Intanto alcuni manifestanti venivano identificati. Particolarmente agitato uno dei manifestanti, la cui posizione in queste ore è al vaglio degli inquirenti.