POZZUOLI«L’Amministrazione Figliolia ha altre priorità rispetto alla trasparenza e alla prevenzione del rischio di corruzione: lo avevamo intuito già da tempo ma adesso ne abbiamo la certezza». Lo dice Sandro Cossiga, candidato a Sindaco di Pozzuoli per le elezioni amministrative dell’11 giugno, a proposito delle sanzioni comminate a Sindaco e Assessori dall’Anac, l’Autorità Nazionale Anticorruzione presieduta da Raffaele Cantone. Come si legge in un articolo pubblicato oggi dal quotidiano on line Cronaca Flegrea, l’Anac ha decretato una multa di mille euro per ciascun componente l’Esecutivo retto da Vincenzo Figliolia, a causa dei forti ritardi nell’aggiornamento del piano triennale di prevenzione anticorruzione.

LE ACCUSE – «Nonostante i puteolani siano ormai abituati alla superficialità, all’incapacità e all’arroganza di chi governa la città – dichiara Cossiga – si resta sconcertati di fronte alle gravissime censure che emergono dai provvedimenti dell’Anac a carico dell’Amministrazione. Da notizie di stampa si legge addirittura infatti che lo stesso segretario generale, dottor Matteo Sperandeo, ha chiesto di essere ascoltato in audizione presso l’Autorità Nazionale Anticorruzione per spiegare le difficoltà in cui egli sarebbe costretto ad operare. E pesa come un macigno il giudizio dello stesso dottor Cantone sul ‘comportamento del Sindaco e degli altri componenti la Giunta Comunale per non aver tenuto in debito conto la rilevanza dell’attività di prevenzione della corruzione, prediligendo di indirizzare l’azione amministrativa in altri ambiti’. Questo – conclude Sandro Cossiga – è il vergognoso biglietto da visita con cui Figliolia si presenta al giudizio degli elettori chiedendo di essere riconfermato in carica per i prossimi cinque anni. Mi auguro che il proficuo lavoro dell’Anac su Pozzuoli non sia terminato qui e che venga data anche una risposta forte e chiara sullo scandalo che io ed altri tre colleghi consiglieri comunali di opposizione abbiamo denunciato quattro mesi fa, sia al dottor Cantone sia al Prefetto di Napoli, in merito all’appalto triennale conferito dal Comune di Pozzuoli alla società “Compunet” per la gestione delle notifiche delle multe stradali e dei varchi elettronici della zona a traffico limitato del lungomare».