Un gruppo di parcheggiatori abusivi

POZZUOLI –  Ancora violenza, ancora una rissa, ancora movida selvaggia a Pozzuoli. L’ennesima notte di paura si è vissuta giovedì poco dopo la mezzanotte in pieno centro storico dove due gruppi di giovani sono venuti alle mani scatenando il “fuggi fuggi” generale. Calci, schiaffi, pugni e perfino i caschi presi dalle motociclette e utilizzati come armi per colpire i rivali mentre nei pressi della chiesa di Santa Maria delle Grazie la gente urlava impaurita. Un giovane, in particolare, veniva colpito ripetutamente al volto con un casco mentre altri due lo picchiavano con calci e pugni. Alla rissa partecipavano in tutto una ventina di giovani di età compresa tra i 20 e i 30 anni che se le davano di santa ragione per almeno 5 minuti prima di dileguarsi.

FUTILI MOTIVI  hanno acceso la rabbia tra i due gruppi, che avevano il primo “contatto” in Piazza della Repubblica prima di rincorrersi fino alla vicina chiesa dove tra sedie e tavolini si colpivano con inaudita violenza. Non sono bastate quindi le ordinanze “restrittive” volute dal sindaco Figliolia per alleviare il caos della notte. Decisioni drastiche che hanno spaccato la città: da una parte gli esercenti commerciali che vedono le ordinanze come una seria minaccia ai loro fatturati;  dall’altra, residenti ormai esasperati costretti alle ore piccole a causa del caos. Proibire la vendita di alcol, di bottigliette in vetro, porre il tetto ai decibel nei locali e inserire ulteriori sanzioni nei confronti dei parcheggiatori abusivi non sembra funzionare.

CAOS –  La città quindi è ancora del caos, con la movida che continua ad essere “selvaggia” e violenta.  A ciò si aggiunge la presenza dei parcheggiatori abusivi, che come al solito continuano ad occupare i posti auto dislocati su tutto il territorio cittadino. Via Campi Flegrei, Centro Storico, Largo Emporio, Via Napoli e perfino il nuovo parcheggio nei pressi di “Vicienz a mare” da poco ripulito e messo a nuovo dal Comune di Pozzuoli sono le zone finite in mano agli illegali che, nonostante i continui blitz della Municipale, sembrano ormai avere il controllo del territorio.

GENNARO DEL GIUDICE