Un momento della "RotaMarathon"

POZZUOLI – Le strade di Pozzuoli sono diventate, per una mattina, teatro della prima edizione della RotaMarathon, una breve stracittadina di circa 4 km. L’evento, andato in scena domenica 21 aprile, è stato organizzato dal Rotaract club Pozzuoli, presieduto da Lorenzo Belvini, con la collaborazione del Rotary club Pozzuoli e con l’assistenza tecnica dell’Opes (organizzazione per l’educazione allo sport). La manifestazione ha avuto un ottimo riscontro in quanto circa 150 atleti hanno preso parte alla gara: di questi, tanti provengono dalle locali società podistiche ma molti sono anche gli amatori e appassionati che hanno deciso di partecipare a questa stracittadina.

LE EMOZIONI – hanno caratterizzato questo evento sin dall’inizio: al momento della partenza c’è stato un lunghissimo ed intensissimo applauso per ricordare le vittime degli attentati della maratona di Boston. La RotaMarathon è stata organizzata dal rotaract Pozzuoli per raccogliere fondi da destinare alla scuola del reparto pediatrico dell’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, significativo in tal senso il motto della gara “Run for change, run for children” (corri per il cambiamento, corri per i bambini).

SOLIDARIETA’ – «L’obiettivo di questo evento – spiega Lorenzo Belvini – era quello di sensibilizzare la popolazione in relazione ad una delle strutture pubbliche più importanti per il nostro territorio e che maggiormente necessita di sostegno, alla luce dei tanti tagli imposti agli enti pubblici» I  fondi raccolti infatti saranno destinati all’acquisto di tutte le attrezzature di cui i bambini degenti presso l’ospedale necessitano per poter proseguire il loro apprendimento scolastico. Il presidente Belvini ha poi sottolineato che «È stato un grandissimo piacere vedere alla partenza tantissimi atleti, ma anche tante famiglie con bambini, con questo evento i giovani rotaractiani hanno voluto dimostrare che è possibile fare qualcosa di concreto per il nostro territorio, trasformando le proprie idee in attività pratiche che siano in grado di poter aiutare la popolazione locale». È dunque auspicabile che quella tenutasi il 21 aprile sia solo l’inizio di una lunga serie di eventi volti a sostenere e valorizzare il territorio puteolano.

LE FOTO DELLA GARA

[cronacaflegrea_slideshow]