POZZUOLI – Lunedi 3 aprile 2017, l’IC 3 Rodari Annecchino, istituto scolastico situato nel quartiere Monteruscello di Pozzuoli apre le sue porte a quanti vorranno confrontarsi sul tema della legalità, dalle ore 10 nella sala polifunzionale I.C.3 – scuola Rodari. I ragazzi della classi terze della scuola secondaria di I grado Annecchino, guidati e coordinati dai loro docenti, organizzano una manifestazione dal titolo “Noi dell’IC3 e la legalità”, per riflettere e far riflettere sulla legalità e sulla cittadinanza consapevole, in un momento storico-sociale in cui si ridiscute spesso il senso e la missione di questi valori. Il programma della mattinata, introdotto dalla dirigente Stefania Manuela Putzu, prevede delle “Conversazioni sulla legalità”, curate dagli stessi alunni, che faranno anche da moderatori degli interventi degli ospiti, toccando i temi del rispetto di se stessi e degli altri, della salvaguardia della salute e dell’ambiente, fino ad arrivare alla problematica della terra dei fuochi.

L’EVENTO – Interverranno il Sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, l’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Pozzuoli Luisa De Simone, l’Arma dei Carabinieri. Seguiranno i contributi delle associazioni: Legambiente, associazione onlus Asklepios, Coop educazione al consumo consapevole, che hanno condotto con gli insegnanti importanti percorsi didattici nelle scuole dell’IC3 nel corso di quest’anno scolastico. Verrà poi proiettato il cortometraggio “Infelix”, l’ultimo lavoro della regista puteolana Maria Di Razza, che sta riscuotendo importanti riconoscimenti a livello internazionale: dopo la visione, gli alunni “converseranno” con la regista sulla tematica della terra dei fuochi, dell’inquinamento ambientale, dei disastri provocati dall’uomo e delle conseguenze sulla vita di tutti noi.

L’INVITO – La mattinata terminerà con l’intervento dell’artista rap Oyoshe, in questo momento uno dei maggiori esponenti del rap campano che sta avendo tantissimo successo anche nel resto dell’Italia. Il contributo del musicista sarà un messaggio di fiducia e di speranza: tutti, impegnandosi e avendo ben chiari i propri obiettivi, con le proprie forze, possono “fare strada”, realizzare i propri sogni e costruire qualcosa di migliore per se stessi e per gli altri. In un’ottica di comunità, l’IC 3 Rodari-Annecchino estende l’invito a partecipare a tutte le famiglie e gli abitanti del quartiere