POZZUOLI – Minacce di morte ed aggressioni fisiche durate tre anni. Ieri il sospiro di sollievo. I carabinieri della Compagnia di Pozzuoli hanno tratto in arresto un 32enne di Castel Volturno per maltrattamenti in famiglia, atti persecutori e rapina commessi ai danni dell’ex compagna. Gli incubi erano iniziati nell’agosto del 2015 quando il 32enne uscì dal carcere dove era detenuto per rapina: da allora iniziò a perseguitare la donna che aveva manifestato il pensiero di interrompere la relazione. Un periodo nero per la vittima fatto di tormenti e di intimidazioni.

LA DONNA IN OSPEDALE – L’ultimo episodio ieri su via Campana a Pozzuoli: l’uomo l’ha avvicinata ed in preda alla gelosia l’ha aggredita. Si è poi impossessato del suo telefono. Alcuni passanti, non rimasti indifferenti alla difficoltà della donna, hanno chiamato il 112 permettendo così l’immediato intervento dei carabinieri. Il 32enne è stato arrestato e sottoposto ai domiciliari in attesa del giudizio direttissimo. Il cellulare è stato recuperato e restituito alla vittima, poi accompagnata in ospedale dove le è stato curato il trauma riportato al braccio.