POZZUOLI  Pacco, doppio pacco e contropaccotto…”subito” è servito! Non c’è battuta migliore per sintetizzare la storia che ha avuto come protagonista Valerio, 43enne di Pozzuoli, ennesima vittima del web. Alla ricerca di un’autovettura, si era affidato alla piattaforma numero 1 in Italia per vendere e comprare, SUBITO.IT .

L’ANNUNCIO – Una dettagliata descrizione accompagnata da ottime foto dell’ autovettura :”Toyota Yaris Classe 2004, full optional, diesel, idonea per neopatentati, buone condizioni. Prezzo 950€ contattare il numero 327/8471292 comune Bergamo”.

LA TRUFFA – «È stata costruita bene – racconta Valerio. – Una voce maschile risponde al telefono. Mi assicura sulle ottime condizione dell’auto, fornendomi ulteriori dettagli ed infine, per chiudere l’affare mi passa la segretaria, la quale, mi elenca i dati necessari per l’anticipo da fare nel giro di mezz’ora, pari a tutta la somma ovvero 950 euro, tramite PostePay.» Pochi minuti dopo l’affare è chiuso, l’acconto effettuato, il recapito telefonico inesistente e il venditore scomparso. «Nonostante la denuncia alla redazione SUBITO.IT, alla Legione Carabinieri Campana stazione Napoli Fuorigrotta e alla Polizia Di Stato, conduco delle ricerche private su questa persona e scopro di non essere l’unico. Pagine Facebook create per informare degli annunci che vengono pubblicati del truffatore, numerosi annunci di autovetture sempre con la stessa descrizione, stesso nome e codice fiscale ma, recapiti differenti, numerose, anche, le denunce a carico di questa persona».

L’ APPELLO – Ma Valerio fa anche mea culpa «Sono stato poco attento. La voce sembrava affidabile. Tutto mi è stato descritto nei minimi particolari” – aggiunge il 43enne che lancia un appello a chi fa affari sul web- Vorrei fare un appello a tutti i compratori online: state attenti agli annunci pubblicati, alle fonti e agli interlocutori con cui si ci confronta, ma, molto importante, non pagare mai con PostePay».