Il lago d'Averno di colore scuro

POZZUOLI –  Puzza di morte il lago d’Averno, dove ormai sono centinaia i pesci morti che galleggiano lungo le sponde. Un’immagine inquietante quello del celebre lago d’ispirazione dantesca, che ieri pomeriggio si presentava addirittura di colore marrone scuro. Acqua torbida, schiuma che galleggiava sulla sponda nei pressi del Tempio di Apollo, pesci morti e rifiuti: questo lo scenario desolante, oltre che estremamente preoccupante. A colpire maggiormente era proprio il colore dell’acqua del lago, diventata quasi nera dopo che nei giorni scorsi era stata prima verde e poi azzurra, ma sempre torbida. E a fare da contorno, una puzza di morte probabilmente causata proprio dalla presenza dei pesci senza vita, che in alcuni casi sono finiti sulla riva trasportati dalla corrente.

FENOMENO NATURALE? –  Spiegata,  almeno in parte, la moria dei pesci che sarebbe dovuta alle emissioni sulfuree dovute ad un fenomeno di origine vulcanica, essendo presenti sul fondale del lago diverse fumarole, (anche se sono attesi i risultati dei prelievi dell’ARPAC) ora ci si chiede a cosa sia dovuta questa inquietante nuova colorazione del lago. Infatti, se la morte delle centinaia dei pesci insieme al cambio di colore prima verde e poi di un celeste  molto carico accompagnato all’odore di zolfo sembra sia dovuto ad un fenomeno a quanto pare “naturale” ci si chiede ora da che cosa possa dipendere  questa colorazione di marrone scuro accompagnata da schiuma e un odore nauseabondo che ricorda quello tipico delle fogne.

GENNARO DEL GIUDICE
foto di Angelo Greco

LE FOTO
[cronacaflegrea_slideshow]