Alberto Ruggiero, il rapinatore arrestato dalla Polizia

NAPOLI – Perde alla slot machine e, accecato dalla rabbia, mette a segno una rapina ai danni del titolare della sala giochi portando via 2 mila euro. E’ quanto è successo nel pomeriggio di venerdì scorso, in una sala giochi del Centro Direzionale a Napoli. Il giocatore, poi identificato per Alberto Ruggiero, 44 enne del Rione Pazzigno, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto, dagli agenti del Commissariato di Polizia “Vasto-Arenaccia”, per il reato di rapina aggravata.

LA RAPINA – L’uomo, infatti, dopo aver sperperato il suo denaro nel gioco delle slot machine, pretendeva che il titolare della sala giochi, gli restituisse la somma persa e, dopo averlo minacciato e malmenato, si impossessava della somma di 2 mila euro, custodita parte in una “macchinetta cambiamonete” e parte nella cassa.

ESCAMOTAGE – I poliziotti, nella circostanza, intervenuti sul luogo, oltre a visionare le immagini del circuito di videosorveglianza, rinvenivano due mozziconi di sigarette, appartenenti al giocatore-rapinatore. L’intervento della Polizia Scientifica, ha consentito anche di repertare, all’interno della sala giochi, un’impronta del 44enne, risultato schedato agli archivi AFIS a seguito dei numerosi pregiudizi di polizia. Gli agenti, hanno tentato di rintracciare Ruggiero nei luoghi dallo stesso frequentati, riuscendo solo con un escamotage, stamani, a farlo uscire allo scoperto, arrestandolo e conducendolo al Carcere di Poggioreale.