Guardia Costiera

POZZUOLI – Cinquantotto comunicazioni di reato, 165 illeciti amministrativi di vario genere, 21 interventi di soccorso in mare (alcuni salvataggi di dispersi in mare in fin di vita), 10 bambini  ritrovati dopo essersi smarriti sulle spiagge, 6 stabilimenti balneari chiusi, 250 controlli effettuati tra lidi e natanti e 6 imbarcazioni rubate ritrovate. Questi i numeri del lavoro della Capitaneria di Porto di Pozzuoli impegnati, in questo primo scorcio di estate, nell’operazione “Mare Sicuro”.

Il comandante Caterina Piccirilli

80 KM DI COSTA PATTUGLIATI – Gli uomini diretti dal Comandante Caterina Piccirilli, sorvegliano costantemente gli 80km di costa di loro competenza, un lavoro costante ed instancabile che nei week end si intensifica in maniera decisa. Pattugliamento delle acqua marine, ma anche controllo sulla costa e su tutto il demanio che comprende mare e spiagge. In queste giornate estive, la Guardia Costiera sta monitorando le coste di Pozzuoli, Bacoli, Monte di Porocida, Castel Volturno, fino ad arrivare alla foce del Garigliano. Tutte zone prese  d’assalto dai bagnanti. La sala operativa della capitaneria di porto è stata inondata di richieste.La sala operativa della Capitaneria riceve spesso richieste d’intervento per bambini smarriti e     Tra le principali segnalazioni l’uso di natanti e  moto d’acqua usate troppo vicine alla costa, che mettono a repentaglio l’incolumità dei bagnanti. In questi casi i mezzi che navigano sotto costa vengono intercettati e i titolari verbalizzati dagli uomini a bordo delle motovedette

Controlli unità da diporto

AUMENTERANNO I CONTROLLI – Le operazioni portate avanti fino ad oggi sono solo l’inizio del lavoro del Circondario Marittimo di Pozzuoli, nuovi incontri si stanno succedendo, per organizzare i lavori di controllo delle prossime settimane. Gli uomini della Piccirilli concentreranno le loro forze sui punti più critici di tutto il litorale.

ANGELO GRECO
[email protected]