POZZUOLI – Nasce il Laboratorio di Comunità e Malazè Experience. Sono queste le due iniziative lanciate nel corso della XII edizione di Malazè, l’evento enoarcheogastronomico dei Campi Flegrei che si è concluso il 19 settembre dopo diciotto giorni di iniziative.

I NUMERI – di questa edizione: 6 i comuni interessati (Pozzuoli, Quarto, Bacoli, Monte di Procida, Napoli e l’isola di Procida); 140 i soggetti coinvolti tra enti pubblici, privati ed associazioni; 21 le aziende vitivinicole; 32 le aziende agricole, 36 i siti archeologici e naturalistici valorizzati e 4 gli itinerari proposti (Gusto, Archeologia, Mito e Storie e Natura).

IL PATRON – «È stato un viaggio ricco di riscontri, contenuti e presenze – dichiara Rosario Mattera, founder di Malazè – un motivo in più per il lancio del Laboratorio di Comunità e la proposta di Malazè Exeperience. Purtroppo questa sarà anche l’edizione che ricorderemo per sempre con la tristezza nel cuore per l’immane tragedia che ha colpito la famiglia Carrer, ma che ha colpito anche uno dei luoghi dell’anima della nostra comunità che dovrà tornare presto, in sicurezza, ad essere visitabile, così come lo è stato da cento anni senza aver mai causato danni a nessuno».

L’INNOVAZIONE – Malazè Experience nasce dalla collaborazione con il tour operator internazionale Viaggi e Miraggi attiva in oltre ottanta paesi del mondo ed è composta da professionalità diverse che hanno collaborato con Malazè. Tre gli itinerari già disponibili e che saranno proposti nelle varie fiere del turismo internazionali: “Miseno tra storia, mare e natura”, “Ozi e Vizi di Baia” e “Tour a Pozzuoli”. Per quanto riguarda il Laboratorio di Comunità, si tratta di soggetto associativo diverso ma con la stessa matrice di Malazè che metterà a frutto esperienze e delle intelligenze che in questi anni hanno generato valore. Sarà un facilitatore di processi.