MONTE DI PROCIDA- Nei progetti della neo Amministrazione targata Iannuzzi dovrà diventare la nuova Via del Turismo. Al momento però è solo simbolo di degrado, abbandono e di una politica di riqualificazione evidentemente fallimentare. La passeggiata di Torrefumo, che collega Acquamorta a Miliscola, si presenta così agli occhi di cittadini e turisti.

La passeggiata di Torrefumo

Realizzata in uno degli scenari più belli del comune di Monte di Procida, la passeggiata di Torrefumo rappresenta di certo un’opera di grande interesse naturalistico. Un intervento mastodontico, inserito all’interno del progetto integrato denominato “Grande attrattore culturale dei Campi Flegrei”,  di cui oggi restano solamente le macerie. I lavori restano incompiuti e gli atti di vandalismo avvenuti negli anni passati hanno notevolmente peggiorato la situazione. Lungo il sentiero la vegetazione è incolta, alcune panchine sono state abbandonate a se stesse e decine di faretti sono stati distrutti nel cuore di una notte per una “bravata”. Ma di più. Le continue e frequenti mareggiate invernali trascinano lungo il percorso praticamente di tutto. E così, plastica e bottiglie regnano sovrane in questa bellissima cornice naturale.

I faretti distrutti lungo il percorso

Lo scorso anno, in occasione dell’iniziativa “Puliamo il mondo” promossa da Legambiete, la passeggiata di Torrefumo è stata ripulita da volontari e da semplici cittadini. Un gesto dimostrativo importante a cui dovrebbe seguire un intervento chiaro e deciso da parte dei vertici della politica. Secondo i piani, quelli su carta,  con l’approvazione del Puad, Piano Utilizzo Aree Demaniali, l’area dovrebbe ospitare anche strutture  e attività ricettive per lo sviluppo economico del paese.

 

 

 

ANNARITA COSTAGLIOLA

[email protected]