MONTE DI PROCIDA – Una strada gruviera scarificata ma non asfaltata. Un quartiere incredulo dinanzi ad un lavoro iniziato senza alcun preavviso e non portato a termine. Sono queste le istantanee che arrivano da via Caputiello, a Cappella delle cui operazioni di rifacimento del manto stradale, a quanto pare non ne sarebbero a conoscenza neppure gli uffici comunali. Ha dell’inverosimile quanto sta accadendo nel quartiere di periferia dove ci si domanda chi fossero quegli operai al lavoro nei giorni scorsi e perché il cantiere, una volta aperto, non è stato chiuso.

“NIENTE AGLI ATTI” – A farsi portavoce delle istanze dei cittadini è il consigliere comunale Rocco Assante di Cupillo. «Ho chiesto al Segretario Generale chi ha dato disposizioni alla ditta e perché il lavoro non è stato completato – spiega il capogruppo di “FareFuturo” – Dagli atti che ho avuto modo di consultare non c’è nulla riguardo il rifacimento dell’asfalto a via Caputiello e nell’ufficio tecnico nessuno era a conoscenza di questo intervento», conclude. Insomma, il mistero si infittisce ma, nel frattempo, i cittadini chiedono, a ben dire, che la via sia messa in sicurezza.