MONTE DI PROCIDA – La festa della musica torna, per il secondo anno consecutivo, ad invadere di strumenti, suoni e voci la dimora gentilizia di Villa Matarese, in via Filomarino. Il più piccolo dei centri flegrei partecipa con entusiasmo ancora una volta ad un evento straordinario che in tutta Europa coinvolge in maniera organica migliaia di città, trasmettendo quel messaggio di cultura, partecipazione, integrazione, armonia e universalità che solo la musica riesce a dare. Un’iniziativa che cade nel giorno del solstizio d’estate, il 21 giugno e che questa sera aprirà le porte al pubblico, a Monte di Procida, a partire dalle ore 20,30.

GLI ARTISTI – Per questa edizione, l’Italia ha dato il tema “La strada suona” esortando, come avviene in Francia – dove la festa è nata 25 anni fa – i cittadini a esibirsi all’aperto con i propri strumenti unendosi idealmente ai tanti “maestri” della musica coinvolti. Ufficializzata la rosa degli artisti che animeranno la serata patrocinata dal Comune. «Special guest sarà Nicola Caso – si legge nella descrizione dell’evento fornita dagli organizzatori sui social – insieme a lui si esibiranno anche Sem Marasco, Ivo Mancino, Emanuele Scamardella, Gianluca Di Bonito, Gigi Bignone, Giordano Esposito, Luca Valenziano».

LA FESTA – «Il 21 giugno del 1982, con l’iniziativa ideata dal Ministero della Cultura francese, in tutta la Francia, musicisti dilettanti e professionisti invadono strade, cortili, piazze, giardini, stazioni, musei – continuano riproponendo un breve excursus sulle origini dell’iniziativa – Non contenta solamente di rendere la pratica musicale visibile, la Festa della Musica è diventata un autentico fenomeno sociale. Dal 1985, Anno Europeo della Musica, la Festa della Musica si svolge in Europa e nel mondo. Dal 1995, Barcellona, Berlino, Bruxelles, Budapest, Napoli, Parigi, Praga, Roma, Senigallia sono le città fondatrici dell’Associazione Europea Festa della musica. Dal 2002, grazie al lavoro fatto dalla AIPFM (Associazione Italiana per la Promozione della Festa della Musica), in Italia hanno aderito più di 280 città, dando vita a una rete distribuita su tutto il territorio nazionale. Tantissimi concerti di musica dal vivo si svolgono ogni anno, il 21 giugno, in tutte le città, principalmente all’aria aperta, con la partecipazione di musicisti di ogni livello e di ogni genere. Concerti gratuiti, valore del gesto musicale, spontaneità, disponibilità, curiosità, tutte le musiche appartengono alla Festa. Dilettante o professionista, ognuno si può esprimere liberamente – concludono gli organizzatori – la Festa della Musica appartiene, prima di tutto, a coloro che la fanno».