MONTE DI PROCIDA – Da diversi mesi i residenti nel piccolo centro flegreo sono alle prese con serie difficoltà legate ai divieti di sosta sparsi lungo le strade del paese. Sono infatti quasi del tutto spariti i posteggi liberi e a pagamento per i veicoli. Una decisione presa dall’Amministrazione comunale attualmente in auge nelle cui intenzioni vi sarebbe un riassetto generale delle aree di sosta che, ad oggi, ancora non è stato attuato. Conseguenza: dilagano in ogni angolo della città la sosta “selvaggia” e l’utilizzo indiscriminato degli spazi pubblici.

“COSTRETTI” ALLA SOSTA SELVAGGIA – A risentire di questa situazione sono proprio tutti. Esercenti, imprenditori, residenti, turisti. Il caso più emblematico riguarda la sosta nella frazione di Miliscola, in località “Santolillo” ove sono a decine i bagnanti che, specie durante il fine settimana si recano al mare, alla ricerca di un po’ di refrigerio. Non essendovi regolamentazione alcuna, il parcheggio resta, nei fatti, libero per chiunque. Insomma, al danno anche la beffa: a soffrire della perdita dei preziosissimi stalli a strisce saranno anche e, soprattutto, le casse comunali.