LICOLA – Ieri sera, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Giugliano – Villaricca hanno arrestato il 42enne del posto Antimo Gianluca Di Domenico, in quanto ritenuto responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni gravi, sequestro di persona ed estorsione ai danni dell’anziana madre.

CHIUSA IN CASA
– Verso le 16.20 i poliziotti si sono recati in Via Festinese a Giugliano in quanto era stata segnalata una donna anziana chiusa all’interno del suo appartamento che chiedeva incessantemente aiuto.

L’SOS – Giunti sul posto, gli agenti hanno subito individuato l’appartamento dal cui interno la voce di una donna anziana chiedeva aiuto, dicendo di non poter uscire in quanto il figlio aveva chiuso la porta dall’esterno. Nell’attesa dell’arrivo dei Vigili del Fuoco chiamati per aprire la porta, è stato notato il figlio mentre si aggirava nel cortile del condominio. All’uomo è stato quindi intimato di aprire la porta. Una volta all’interno dell’abitazione hanno trovato la madre 68enne a terra in camera da letto ed impossibilitata a muoversi in quanto presa da fortissimi dolori alla gamba. Grazie all’ausilio del personale 118 la donna è stata condotta all’Ospedale Santa Maria delle Grazie dove gli è stata riscontrata la frattura del femore con prognosi di 30 giorni e le sono state prestate le prime cure.

LE MINACCE – Successivamente la 68enne ha riferito di essere da tempo oggetto di incessanti richieste di denaro da parte del figlio, il quale l’ha anche di frequente malmenata. Ieri, all’ennesima richiesta, il 42enne ha iniziato a percuoterla con schiaffi e calci facendola cadere a terra per poi colpirla alla testa con il bastone di una scopa. Dopo averla ingiuriata e minacciata è uscito di casa chiudendo la porta blindata a chiave dall’esterno.

L’ARRESTO – Antimo Gianluca Di Domenico è stato pertanto arrestato e subito condotto alla Casa Circondariale di Napoli – Poggioreale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria