La segnalazione della chiusa a pochi metri dal cantiere

POZZUOLI – Traffico in tilt, auto che cambiano senso di marcia, altre che scendono dai traghetti rimanendo bloccate nel traffico, vetture in sosta selvaggia. Un inferno questa mattina il porto di Pozzuoli, dove per ore è regnato il caos. La causa è stata la chiusura di Via Cavour (la stradina che collega il porto al tunnel Tranvai) e Via Castello (la Darsena). Entrambe le strade sono off-limits a causa dei lavori di scavo attualmente in corso.

Le auto che provengono dal porto

MANCANZA DI SEGNALETICA– Ciò che questa mattina ha lasciato interdetti è stata la mancanza di una segnaletica che informasse  gli automobilisti della chiusura. Solo dopo mezzogiorno si è pensato di piazzare una volante dei Vigili Urbani all’altezza del parcheggio in Largo Emporio e una transenna nei pressi della villetta, all’incrocio che conduce all’area portuale. Ma prima che ciò venisse fatto, l’unica segnalazione di interruzione al transito dei veicoli era una transenna con tanto di cartello che avvisava dell’interruzione posta nei pressi dell’edificio che ospita la Capitaneria di porto di Pozzuoli.

Il cantiere all'ingresso di Via Cavour

TROPPO DISTANTE – Un “avvertimento” per gli automobilisti posto troppo in prossimità del cantiere che ha fatto si che gli automobilisti arrivassero fino alla transenna per poi vedersi costretti a tornare indietro. Con manovre poco agevoli e un fazzoletto di spazio strettissimo dove nel frattempo giungevano le auto appena sbarcate dalle isole. Tutto cià ha provocato caos e ingorghi in tutta l’area per l’intera mattinata fino all’intervento dei vigili urbani.

CAOS ASSICURATO – Il tratto di porto che porta da Piazza a Mare alla Darsena è uno dei principali serbatoi di “posti auto” del centro storico. Infatti con le strade regolarmente aperte chi non trova parcheggio circumnaviga la piazza (attraverso Via Cavour) per poi dirigersi verso Via Napoli. Oggi invece con la chiusura delle strade chi non trova parcheggio è costretto e fare inversione di marcia gettando così nel caos l’intera zona. Ma se stamattina è stato il caos a farla da padrona non osiamo immaginare cosa accadrà nelle ore notturne quando la famigerata “movida” flegrea entrerà nel vivo.

ANGELO GRECO
[email protected]