Il dottor Rosario Porzio

SALUTE –  Sono un toccasana per la salute in estate come in inverno. Parliamo di lattuga (dagli effetti calmanti,soprattutto se mangiata di sera) ma anche di rucola, radicchio rosso e via dicendo,verdure ricchissime di antiossidanti preziosi e salutari vitamine e minerali. Ma attenzione al condimento, perchè è quest’ultimo che potenzia o magari annulla gli effetti benefici nutrizionali delle insalate più svariate.

LO STUDIO –  della “Purdue University” pubblicato sulla rivista di settore “Molecular Nutrition and Food Research” evidenzia che l’insalata deve essere abbinata ad una buona quantità di acidi grassi monoinsaturi, e l’olio extra-vergine d’oliva (ma anche quello semplicemente d’oliva) ne è pieno.  Ed ecco cosi’ che questo studio ha preso in analisi 29 persone che hanno mangiato insalata con tre diversi oli: l’olio di oliva, l’olio di mais e il burro in quantità variabili di 3, 8 e 20 grammi.

L’ESPERIMENTO – Sottoponendo poi i soggetti all’esame del sangue, si è così studiata la presenza ematica di molecole antiossidanti quali licopene, luteina e betacarotene. Il risultato? L’olio d’oliva è risultato il miglior condimento in assoluto. Già con soli tre grammi di olio d’oliva si è visto che si assorbono una quantità soddisfacente di antiossidanti e vitamine, mentre per ottenere lo stesso assorbimento bisognerebbe usare quantità molto più alte degli altri condimenti con ovviamente spiacevoli conseguenze sui valori ematici di colesterolo e trigliceridi.

DOTTOR ROSARIO PORZIO