L'ANCI ha scelto il comune di Bacoli per un progetto da attuare nell'istituto Marconi

BACOLI – tra le città italiane scelte dall’ANCI per un progetto sull’efficienza energetica. L’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ANCI, nell’ambito del progetto “Diagnosi ed efficientamento energetico delle strutture del patrimonio comunale e delle strutture sanitarie” finanziato sul Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013, ha infatti selezionato 100 strutture pilota delle Regioni Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia). Tra queste, è stata individuata la “Scuola Elementare Guglielmo Marconi”, edificio comunale su cui effettuare, senza alcun onere per il Comune di Bacoli, la diagnosi e la valutazione della prestazione energetica ed ambientale dell’involucro edilizio e degli impianti, nonché la valutazione tecnico economica degli interventi perseguibili nella struttura.

IL PROGETTO – «La scelta dell’ANCI testimonia il meticoloso lavoro svolto da questa amministrazione e dai tecnici comunali nell’intercettare finanziamenti utili per la riqualificazione delle strutture presenti sul nostro territorio» afferma il Sindaco di Bacoli Ermanno Schiano . Il progetto, articolato su tre linee d’intervento, si pone come obiettivo quello di aumentare la consapevolezza degli utilizzatori degli immobili in termini di impatto energetico ed ambientale, dotando gli organi tecnici ed amministrativi dei gestori di metodologie e strumenti operativi standardizzati per la realizzazione di diagnosi energetiche e per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico sulla base delle analisi effettuate.

 

LAVORI IN CORSO – «Siamo soddisfatti che l’Anci abbia individuato la scuola Marconi, edificio storico simbolo della nostra città, quale modello di riferimento e di analisi per l’attuazione di misure volte al risparmio energetico e al miglioramento della vivibilità dell’edificio» ha aggiunto l’Assessore alla Pubblica Istruzione Flavia Guardascione. Intanto, l’intervento proposto è già in fase di attuazione nell’istituto Marconi. Inoltre, come comunicato dall’ANCI, l’acquisizione della documentazione prodotta potrebbe essere il presupposto per una effettiva realizzazione degli interventi individuati per le 100 strutture pilota, mediante altre linee di azione e bandi sui fondi del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.