POZZUOLI – Lavorare per 20 euro al giorno, senza pausa pranzo, ad ogni temperatura e anche quando piove. Si definisce uno schiavo dei tempi moderni Antonio, dipendente presso una società che si occupa di volantinaggio nei Campi Flegrei. La sua è una denuncia forte, che nasce dalla frustrazione derivante da un impiego sottopagato dove ogni diritto dei lavoratori viene calpestato. Antonio, per chiedere più rispetto e tutela per sè e per i suoi colleghi, ha scritto una lettera al nostro giornale che riportiamo di seguito.

LA DENUNCIA«Egregio direttore, voglio raccontare con queste poche righe la mia storia lavorativa. Io lavoro per uno studio di volantinaggio e mi chiedo se è mai possibile lavorare per 20 euro al giorno, sotto l’acqua e la pioggia. -scrive Antonio- Ci sfruttano e nessuno fa niente, ci ribelliamo ma non succede mai niente perchè purtroppo non c’è lavoro e noi lavoriamo per portarci il pane a casa. Ci controllano per 20 euro al giorno, non abbiamo nemmeno tempo di sederci e mangiare qualcosa al volo, siamo schiavi! Loro guadagnano grazie a noi perché noi distributori portiamo il lavoro avanti, ma loro continuano a sfruttarci. La paga è pessima, -conclude- al massimo arriviamo intorno ai 300 euro al mese. Ma come si fa ad andare avanti?»

Antonio T.