L'ingresso di via Cosenza

LA DENUNCIA – Spett.le Redazione Cronaca Flegrea. Chi scrive, purtroppo è ancora colui che vive lontano dal proprio Paese-Pozzuoli- per necessità.

Qualche tempo fa avevo denunciato la mia disavventura avuta con parcheggiatori abusivi, in zona porto. Dopo circa 3 mesi da allora, saturo di nostalgia, ho voluto far ritorno nella mia amata Pozzuoli, accompagnato come sempre da entusiasmo oltre che da uno stato legittimo di fiducia verso le Istituzioni locali, speranzoso di trovare cambiamenti almeno sotto l’ aspetto: organizzativo per servizi resi al cittadino e relativo controllo del territorio (parcheggi e parcheggiatori) grazie forse appunto, anche alla mia denuncia fatta qualche tempo fa alla VS. Redazione.

Durante la mia ultima permanenza nel mio Paese di circa 5 giorni, mi sono recato più volte per le strade del centro, passando per il parcheggio lato strada !!! posto in prossimità degli Uffici Postali (Palazzine) e con mio grande stupore, alle ore 18.00 di un giorno lavorativo, ho avuto modo di constatare l’assenza più totale e il menefreghismo più completo da parte dei “rappresentanti e tutori delle Leggi” che, in coda da utenti al sopramenzionato Ufficio Postale, evidentemente per pagare qualche bolletta (durante l’orario di lavoro ed in divisa), non vedevano o forse non volevano vedere, 3 persone ferme nel parcheggio a poche decine di metri, lungo il marciapiede che, spudoratamente riscuotevano con una certa insistenza e arroganza l’obolo per ogni autovettura che sostava…

La vittima

Ahimè mi piange il cuore, piango per Voi, piango per la stragrande maggioranza delle Persone Puteolane, piango per la povera gente onesta, piango per il futuro di un Popolo, Amministrato da irresponsabili, piango per un futuro migliore che… probabilmente non ci sarà mai! nulla da allora è cambiato, ho potuto vedere e toccare con mano la più completa e permanente assenza da parte del Governo Locale e anche…di quello Centrale!!!

Ho notato però un “certo cambiamento e ne sono felice“; gli abusivi…. subentrano sul luogo di lavoro solo dopo che gli assistenti alla sosta, (con casacche verdi) lasciano il posto di controllo del territorio, come da orari per loro stabiliti!!! Penso che il marcio sia radicato talmente tanto che, qualsiasi tentativo per estirparlo, possa rivelarsi vano, oltre che inutile. (Non arrendetevi, Almeno provateci). Non pensate che la mia avventura sia finita qua, il bello per modo di dire, deve ancora arrivare………..!

L’AGGRESSIONE –  Erano circa le 17.00 di un giorno lavorativo, quando percorrevo una zona pedonale in centro Pozzuoli, ero intenzionato a fare acquisti, guardavo incuriosito i particolari in una vetrina, quando mi trovo improvvisamente accerchiato da due persone, apparentemente trentenni, dei quali uno, impugnando un coltello e con fare minaccioso, in dialetto, mi dice: “dacci i soldi o ti scanniamo”. Sii………. avete capito bene, ho subito una tentata rapina a mano armata, aggravata dalla minaccia in pieno centro di Pozzuoli in presenza di passanti!!! Non scenderò nei particolari, non è il caso, voglio solo dirvi che da Ex appartenente alle Forze dell’ Ordine (Basco Verde della Guardia di Finanza-s.v.a.t./p.i.) e con un’ acquisita esperienza nell’ambito della difesa personale, grazie al mio servizio reso in aggregazione nei reparti speciali, uno l’ho disarmato e preso!!

LA RICHIESTA DI AIUTO – Da buon cittadino e figlio di questa Repubblica, rispettoso delle Leggi esistenti sull’intero territorio Nazionale chiamato Italia, di cui, (almeno penso!) Pozzuoli ne faccia parte, ho chiesto immediatamente o almeno ho provato a chiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine componendo dal mio cellulare il (113) ho lasciato squillare per molto tempo, nulla e nessuno mi ha risposto!!! la perseveranza è la determinazione, sono caratteristiche che mi hanno sempre distinto dagli altri, non mi sono scoraggiato, in alternativa ho chiamato il (112) ma…. anche in questo caso, dopo molto tempo che facevo squillare, niente e nessuno mi ha risposto!!! che situazione anomala ho pensato!!! qui è tutto assente…anche lo Stato, oltre al Governo! Mio malgrado, considerato la mancanza di aiuto,ed in particolare la mancanza di intervento da parte delle Forze dell’Ordine da me personalmente e immediatamente chiamate (che tramite tabulati posso provare in qualsiasi Sede) ho deciso di lasciare andare colui che un momento prima, non avrebbe esitato nel darmi una coltellata se non l’avessi disarmato.

LA DENUNCIA –  Penso vi rendiate conto, dopo la stringata esposizione dei fatti, sarebbe troppo lungo il dettaglio completo. Non mi rimane che piangere e continuerò a farlo solo e semplicemente per Voi, per la mia gente, per il mio Paese. Vi prego non vi arrendete fate come me, voglio credere fermamente in Voi, fate qualcosa per il futuro dei vostri figli e per chi come me vivendo lontano, quando torna, riesca a vivere la sua terra con uno stato di tranquillità e non di tensione e paura per la propria incolumità. Fate qualcosa… se non per voi, almeno per il futuro dei vostri figli…. per loro, per un futuro migliore… fatelo. Un VS. concittadino che vive lontano dalla sua amata terra per necessità e non certo per scelta. Questa mia Denuncia vuole solo essere un contributo che, volentieri esterno per il mio Paese natio, nella speranza che possa servire a smuovere gli animi della brava gente di cui Pozzuoli è satura, i quali certamente possono ma, volutamente devono… fare di più per il proprio Popolo e all’occorrenza, mandare a casa chi non è degno di rappresentarli.

Tornerò ancora….statene certi! Non sarà certamente un delinquente da quatto soldi a farmi desistere dal tornare nella mia amata Pozzuoli.

 LETTERA FIRMATA