QUARTO – Ha dell’incredibile quanto avvenuto nell’isola ecologica, da 24 ore senza più energia elettrica dopo il distacco da parte dell’Enel in seguito al mancato pagamento di una bolletta. Ed ancora più clamoroso è l’ammontare del “bollettino”: appena 600 euro. La struttura di via Lenza Lunga è gestita dalla Gpn, azienda che per conto del Comune si occupa del servizio di raccolta rifiuti.

IL “DISGUIDO” – All’origine del mancato pagamento, che ha portato poi al distacco dell’erogazione dell’energia elettrica, pare ci sia stato un disguido e non altro, come la mancanza di fondi a disposizione. La scadenza della bolletta era prevista per lo scorso 29 settembre, ma il pagamento è arrivato soltanto il 24 ottobre, paradossalmente proprio nel giorno dello stop al contatore.

DIPENDENTI ISOLATI – A pagare le conseguenze  dell’assenza di energia elettrica anche il personale, rimasto con gli uffici al buio, senza pc e stampanti e persino senza collegamento telefonico. Totalmente all’oscuro anche il piazzale centrale, nel quale gli addetti al servizio di guardiania hanno dovuto operare con il solo ausilio delle proprie torce nella notte tra mercoledì e giovedì.

L’ASSESSORE – «E’ inconcepibile che nonostante i  tanti soldi dei contribuenti versati per pagare la Tari, si arrivi ad errori simili – commenta Giuseppe Martusciello, assessore all’Ambiente – Il mio auspicio è che episodi del genere non si verifichino più».