La ragazzina è stata violentata dal nonno per 7 anni

GIUGLIANO – Una storia che mette i brividi, protagonista un nonno orco, la figlia e la nipotina, di cui l’anziano ha abusato per lunghi 7 anni. Per A.L. di 68 anni oggi finalmente sono scattate le manette, per aver costretto la nipote, minore di 14 anni, a subire rapporti sessuali con lui, complice dell’efferato gesto, la madre della piccola nonché figlia dell’uomo. È stato eseguito questa mattina l’ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Napoli, Ufficio Esecuzioni Penali.

ARRESTATO GIA’ 13 ANNI FA – All’epoca dei fatti l’autore del reato aveva 55 anni, agì con la complicità della figlia, madre della piccola vittima e fu arrestato nell’ottobre del 2000 dagli agenti del Commissariato di polizia “Giugliano-Villaricca”. Sono stati gli stessi poliziotti che lo arrestarono 13 anni fa che, stamani, hanno stretto le manette ai suoi polsi e lo hanno ricondotto al carcere di Poggioreale. La madre della minore, già malata terminale, è deceduta ancor prima d’essere raggiunta da un provvedimento nei suoi confronti.

CONDANNA – L’uomo dovrà espiare in carcere 7 anni, 9 mesi e 24 giorni di reclusione, per i reati di corruzione e violenza sessuale nei confronti di una minore di anni 14. La piccola vittima, che subì le violenze già all’età di 10 anni, quando la polizia riuscì a far luce sulle violenze subite tra le mura domestiche, e per questo successivamente fu affidata ad un Istituto per la tutela dei minori.