Foto di gruppo con vincitori e organizzatori del premio "Francesco Landolfo"

NAPOLI – Cerimonia di consegna del Premio di giornalismo “Francesco Landolfo” presso la sede dell’Istituto di cultura meridionale, in via Chiatamone 63 (Palazzo Arlotta), Napoli. Il Premio, alla sua seconda edizione, è in memoria del giornalista Francesco Landolfo, segretario dell’Ordine dei giornalisti della Campania, già vicedirettore del quotidiano “Roma”, fondatore e presidente dell’Arga Campania. Il premio è a cura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, dell’Associazione napoletana della Stampa, del quotidiano Roma, dell’Arga Campania (Associazione regionale dei giornalisti agricoltura, ambiente e territorio). La giuria del premio “Francesco Landolfo” è composta da Ordine dei giornalisti (Ottavio Lucarelli), Assostampa (Enzo Colimoro), dal quotidiano “Roma” (Antonio Sasso), da Arga Campania (Geppina Landolfo, Gianpaolo Necco).

 

Francesco Landolfo a cui è dedicato il premio di giornalismo

IL TEMA DEL PREMIO – “La Campania sotto la lente”, con particolare riferimento all’agricoltura, ambiente e ricerca scientifica, punta a scoprire le tante sfaccettature dei tre comparti nella regione. Tra gli argomenti più trattati: la Terra dei fuochi e la questione rifiuti, affrontati e sviscerati da molti candidati. Altri si sono soffermati sui progressi della scienza nel campo delle energie rinnovabili, altri ancora sulle eccellenze delle colture e dell’agroalimentare, ma anche sulla risorsa mare e sulla questione idrogeologica. Una visione a tutto tondo di una Campania che non tutti conoscono e che questo Premio vuole mostrare grazie alla professionalità di chi ha voluto parteciparvi.


I PREMIATI – Sezione Carta stampata – Premio ex aequo a Nello Lauro e Antonio Menna. Menzione speciale a Ciro Biondi; Sezione Radio televisione – Premio ex aequo a Giuseppe Catuogno, Stella Colucci e Germana Grasso. Menzione speciale ad Andrea Postiglione e Nello Trocchia; Sezione Internet e foto/video reportage – Premio ex aequo a Pietro Falco e Alessandro Savoia. Menzione speciale Enzo Ruggiero

 

PREMIO CARTA STAMPATA – “Sfregi Lagni” di Nello Lauro (Sette-il giornale locale) – Premio ex aequo sezione carta stampata a Nello Lauro per il suo reportage sulle condizioni di degrado dei Regi Lagni. Un tour puntuale per i comuni del Nolano attraversati dai canali, un tempo opera ingegneristica all’avanguardia per la difesa del territorio oggi discariche a cielo aperto, che si traduce in un servizio di denuncia della perenne emergenza ambientale con cui sono costretti a convivere i cittadini. Da Cicciano, dove il lagno aggredisce con la seicentesca chiesa della Madonna degli Angeli, a Nola, dove i residenti di via Boccio fanno i conti con la paura degli allagamenti.

 

“Pesche e mele, l’oro perduto della terra dei fuochi e dei veleni” di Antonio Menna (Il Mattino) – Premio ex aequo sezione carta stampata ad Antonio Menna, per aver dato voce con rigore e compiutezza alla disperazione degli agricoltori del Giuglianese, assediati dal degrado e dall’inquinamento in quella che un tempo era la CampaniaFelix. Delle 1480 aziende agricole attive a Giugliano nel 2000 ne sono rimaste 730. Il ritratto impietoso di una terra fertile, svenduta e massacrata, che non si rassegna a perdere il suo oro e chiede tutele.

 

Menzione speciale “Bandiera grigia sulle coste flegree” di Ciro Biondi (Segni dei Tempi): Menzione speciale per la sezione carta stampata a Ciro Biondi per il suo servizio che presenta un bilancio della situazione delle coste flegree da Bagnoli a Licola, passando per Pozzuoli, Bacoli e Monte di Procida. Riflettori puntati sull’arenile pubblico e sulle spiagge private, raccontate dagli utenti e dalle associazioni ambientaliste, in un territorio che chiede di ripartire dalla sua risorsa primaria: il mare.

 

PREMIO RADIO TELEVISIONE – “Uno scrigno di tesori sommersi nei fondali di Capri” di Giuseppe Catuogno (Telecaprinews) – Premio ex aequo sezione tv a Giuseppe Catuogno per il suo servizio sulle scoperte archeologiche a largo dell’isola di Capri. Una mappa puntuale degli ultimi ritrovamenti, che aprono nuovi scenari sulle rotte dell’antichità e ricostruiscono tasselli della storia dell’isola azzurra, grazie alla passione di Vasco Fronzoni, un sub caprese, profondo conoscitori dei fondali locali, da anni impegnato nella difesa del mare e del suo patrimonio culturale sommerso.

 

“Le sentinelle della Terra dei fuochi” di Germana Grasso e Stella Colucci (Rainews 24) – Premio ex aequo a Germana Grasso e Stella Colucci per aver raccontato il lavoro volontario del Coordinamento Comitati Fuochi, che opera tra le province di Napoli e Caserta. Un’azione spontanea per tentare di sottrarre il territorio agli sversamenti illegali, attraverso la continua mappatura dei luoghi e la denuncia dei roghi di rifiuti. Un viaggio nelle discariche abusive, raccontato dai protagonisti di una battaglia civile a difesa dell’ambiente e della vita.

 

Menzione speciale “La finta crisi dei rifiuti in Campania” di Andrea Postiglione e Nello Trocchia (Il Fatto quotidiano Tv) – Menzione speciale ad Andrea Postiglione e Nello Trocchia per aver trattato l’affare monnezza in Campania, facendo il punto sullo smaltimento dei rifiuti fuori regione e sugli impianti di tritovagliatura e quelli di compostaggio campani. Costruiti e finanziati con i fondi europei, restano fermi. Esempio su tutti la struttura di San Tammaro, nel Casertano.

 

PREMIO INTERNET – “Quella bufala della mozzarella Dop” di Pietro Falco (L’Espresso.it) – Premio ex aequo sezione internet a Pietro Falco per il servizio sull’inchiesta condotta nel 2012 dalla Dda di Napoli che, indagando sui rapporti tra camorra e imprenditori nel Casertano, si è trovata di fronte un altro filone d’indagine. L’hanno chiamata “Operazione bufalo” e ha portato alla luce una truffa colossale ai danni dei consumatori. Mozzarella, spacciata per “dop”, prodotta con latte estero, in barba a ogni disciplinare. Un’inchiesta giornalistica che svela i meccanismi del sistema con puntualità e precisione.

 

“Green Technology in Campania” di Alessandro Savoia (Roma online) – Premio ad Alessandro Savoia per aver trattato il tema delle energie rinnovabili in Campania, puntando sul progetto Creative Cluster in Green Technology, promosso dalla Regione con il supporto dell’agenzia Campania Innovazione.

 

Menzione speciale – “Casalnuovo, là dove la terra frana” di Enzo Ruggiero (Videonola) – Menzione speciale a Enzo Ruggiero per il servizio sul sottosuolo di Casalnuovo, che, al pari di altri Comuni dell’area a nord di Napoli, si trova a fare i conti con l’erosione delle cavità tufacee e con il conseguente incubo di frane e voragini. I nuovi studi universitari sulle strategie e i piani elaborati dalle istituzioni.