POZZUOLI – Si chiama Genny Aurora, classe 1988, puteolano. È un ragazzo estremamente gentile e modesto. Che ha un sogno. Il suo primo singolo, “Accanto a me”, in appena due giorni ha raggiunto le tremila visualizzazioni su YouTube. Una sorpresa. Un’emozione. Visto che tutto è iniziato per gioco, come ci racconta lui stesso nell’intervista che ci ha concesso.

Com’è nata questa canzone?
Prima di raccontarvi questa storia non posso non menzionare da subito il mio amico, Gennaro Aprea. Lui è l’autore del testo. Tutto è nato per scherzo. Stavamo lavorando in pizzeria, lui mi sentiva cantare e a un certo punto mi ha detto “ora ti scrivo una canzone”. Da qui è cominciata questa esperienza che ci vede protagonisti entrambi, e non solo. Da qui è iniziata la grande fusione tra di noi.

A quanti anni hai iniziato a cantare?
Canto da quando avevo sette anni. Ma non ho mai coltivato abbastanza questa mia passione perché ho lavorato da subito. Nel frattempo ne ho però coltivata un’altra: la cucina.

Cosa fai nella vita oltre al cantante?
Mi occupo di ristorazione. Lavoro in un locale a Pozzuoli.

Ecco, Pozzuoli. La vostra città fa da sfondo al video di “Accanto a me”. Quanto è importate per voi?
Sì, abbiamo voluto rappresentare Pozzuoli perché noi siamo orgogliosissimi di essere puteolani e volevamo descrivere questa città nei suoi aspetti più genuini. E, inoltre, per dimostrare che a Pozzuoli non ci sono soltanto giovani scapestrati che si perdono, come in altre città, dietro la droga o i facili divertimenti. Ci sono anche ragazzi che coltivano i loro sogni e lottano per essi.

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Stiamo già lavorando a un’altra canzone.

Il tuo sogno nel cassetto?
Lo so che è molto difficile e probabilmente resterà soltanto un sogno ma mi piacerebbe diventare un cantante affermato. Vorrei che le mie canzoni fossero ascoltate dappertutto.

Che musica ascolti?
Canzoni italiane. Sono le mie preferite.

I cantanti che ti hanno ispirato?
De Gregori e Renato Zero. Ma il mio cantautore preferito è Claudio Baglioni. Mi sono cimentato in molte cover dei suoi pezzi.

Cosa pensi del panorama musicale napoletano?
C’è qualcuno che ha delle potenzialità, a mio avviso. Il problema, spesso, è che le persone che hanno talento o che mettono il cuore in ciò che fanno vengono trascurate, non vengono messe in luce, non vengono aiutate ad emergere. Si preferisce puntare su gente che non mette l’anima nelle cose che fa. Ci sono ragazzi che hanno dovuto lottare contro un passato difficile e hanno usato la musica come sfogo, hanno combattuto da sempre in modo tenace.
Sono questi i ragazzi che mi piacciono e in cui mi rivedo. 

Ecco il link della canzone: https://www.youtube.com/watch?v=LAeNzUOuGU0