La sala teatro dell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli dove andrà in scena lo spettacolo dei giovani detenuti di Nisida

POZZUOLI – Sabato 19 ottobre, dalle ore 20.30, andrà in scena presso l’Accademia Aeronautica Militare di Pozzuoli, il Gran Galà “Voliamo oltre le sbarre…con Il meglio di te”, con la partecipazione dell’attore Maurizio Casagrande e Pino de Maio insieme a Veria Ponticiello con i ragazzi di Nisida. Presenterà l’evento la giornalista Serena Albano. Il programma della serata prevede alle 20.30 la cena di gala, nelle prestigiose sale panoramiche del Circolo Ufficiali della Accademia Aeronautica e, a seguire, uno spettacolo nell’adiacente teatro della base militare. In scena, nella splendida cornice del teatro dell’Accademia, l’attore Maurizio Casagrande, che con grande sensibilità, ha aderito all’idea di uno spettacolo per i ragazzi in difficoltà nella nostra città.

 

ATTORI PER UN GIORNO – I giovani detenuti di Nisida saranno invece attori per un giorno, per contribuire a costruirsi un futuro migliore con il sostegno della Fondazione “Il meglio di te – ONLUS”. Accanto a loro, saliranno sul palco del teatro dell’ Accademia Aeronautica Militare di Pozzuoli, Pino de Maio e Veria Ponticiello, che li dirigeranno nell’interpretazione dello spettacolo “Pe’ vicule …. sotto voce”, commovente omaggio alle opere del sommo menestrello Raffaele Viviani. Nel corso della serata saranno esposti i manufatti ” ‘Nciarmati a Nisida”, realizzati dagli ospiti dell’Istituto Penale per i Minorenni, nell’ambito delle attività di laboratorio organizzate e finanziate dalla Fondazione napoletana in favore dei ragazzi.

 

BENEFICENZA – Tutto il ricavato della serata sarà devoluto ai progetti filantropici della Fondazione “Il meglio di te – ONLUS”: Oltre a sostenere il Progetto Nisida, in favore dei detenuti dell’IPM dell’isola, il gran galà contribuirà a finanziare il progetto “Virgilio 4”, in favore dei giovani alunni dell’omonimo Istituto scolastico di Scampia e il Progetto “Università” per gli studenti napoletani.  «I ragazzi che aiutiamo a Nisida, come quelli che sosteniamo a Scampia o che, ancora, seguiamo con il nostro progetto per l’Università – ha sottolineato Fulvia Russo, Presidente della Fondazione “Il meglio di te – ONLUS”, – hanno bisogno certamente di un supporto economico ma anche, e soprattutto, di poter credere in una società che sia in grado di fornirgli le migliori opportunità possibili. Ed è in questa direzione che, insieme ai volontari della nostra ONLUS lavoriamo ogni giorno».

 

SPERARE NEL FUTURO – «Siamo davvero contenti di accogliere i ragazzi di Nisida in Accademia – ha dichiarato il Generale Fernando Giancotti, Comandante dell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli, aggiungendo – Abbiamo voluto organizzare questo evento insieme a chi di questi ragazzi meritoriamente si occupa perché il nostro Paese, il Paese di cui l’Aeronautica Militare è al servizio, ha bisogno di poter sperare nel futuro. Contribuire a costruire questo futuro è il lavoro dell’Accademia Aeronautica, attraverso la formazione. Questi giovani e chi li supporta stanno concretamente costruendo un futuro migliore, per sé e per chi gli sta intorno, partendo da condizioni assai più difficili di quelle in cui ognuno di noi opera. Essi sono esempio per tutti noi e costituiscono formazione etica per i nostri cadetti».

 

IL SOGNO DEL GRANDE EDUARDO – Infine, il Direttore dell’Istituto Penale per i Minorenni – Gianluca Guida – ha ricordato l’impegno delle Istituzioni, degli operatori e delle Associazioni in favore dei giovani ospiti dell’Istituto: «Nel 1981 – ha spiegato Guida – il Presidente Pertini nominò Senatore a vita il grande Eduardo de Filippo. Da subito il drammaturgo assunse come impegno politico l’azione per i minori detenuti. Ricordiamo tutti come una pagina di storia, il suo discorso, accorato, al Senato a favore dei ragazzi del Filangieri. Eduardo è stato molte volte al Filangieri , e poi anche a Nisida. Proprio a Nisida nacque la sua idea di creare, per il recupero dei ragazzi, un villaggio dove fossero messe loro a disposizione tutte le opportunità di crescita che la strada aveva loro negato: il “villaggio dei ragazzi”, così lo chiamava. Un anno dopo la sua morte, una legge regionale, che porta il suo nome, ha previsto una serie di interventi concreti e di sostegni economici per la realizzazione di quella idea. Purtroppo quella legge è ancora lontana dal trovare attuazione. Ma quel sogno è andato avanti grazie agli operatori di Nisida, che hanno voluto raccogliere l’eredità del messaggio di Eduardo, conservandone gelosamente la memoria e cercando, per quanto possibile, di darvi attuazione, realizzando laboratori che recuperassero le tradizioni artigiane della nostra terra e offrendo ai ragazzi quel grande supporto formativo che assicura il “mestiere” del teatro. Tutto questo è stato possibile solo grazie al grande lavoro di rete, di cui la collaborazione con la Fondazione “Il meglio di te” e con l’Accademia Aeronautica sono testimonianza, ed alla grande generosità dei napoletani, che non hanno mai fatto mancare il loro sostegno ai nostri progetti educativi».

C.D.C.