Uno dei manifesti affissi a Largo Palazzine (foto appositamente oscurata)

POZZUOLI –  Sale  la tensione a 48 ore ore dal voto. Il candidato a Sindaco del centrosinistra Vincenzo Figliolia nella giornata di mercoledì si è recato Commissariato di Polizia di Pozzuoli per sporgere una denuncia contro ignoti a seguito l’affissione in città di  manifesti dal chiaro contenuto diffamatorio. Si tratta di due fogli affissi in sequenza attraverso i quali vengono riportate offese rivolte a Figliolia, denigrato come uomo, come professionista e come politico. Nel secondo dei due manifestini inoltre, vengono rivolte delle accuse anche al leader di “Sinistra Ecologia e Libertà” Carlo Morra, “chiamato in causa” per il mancato ricorso alle “primarie”. Un deplorevole gesto commesso da qualcuno che ha agito nella notte tra martedì e mercoledì e che  nulla ha a che vedere con la competizione elettorale.

LA DENUNCIA –  Appena avvertito della notizia della comparsa dei manifestini, affissi in alcune strade del centro storico e nei pressi di Largo Palazzine,  Vincenzo Figliolia nella mattinata di ieri (mercoledì) si recava immediatamente presso il Commissariato di Polizia locale dove presentava denuncia contro ignoti.

STESSA MATRICE? –   Ma non è la prima volta che accadono episodi del genere in città: manifesti della stessa “portata” ne spuntarono anche all’indomani dello scioglimento dell’ultimo consiglio comunale: in quell’occasione i bersagli furono il direttore del “Corriere Flegreo” Danilo Pontillo e  il consigliere comunale Fabio Costigliolia. Anche in quel caso, alle condanne per il gesto, seguì da parte delle “vittime” una denuncia verso ignoti.

TENSIONE –  Quello di mercoledì è l’ennesimo segnale che la tensione in città è forte.  La denuncia di Figliolia non sarebbe l’unica: ce ne sarebbero altre depositate  presso le forze dell’ordine in questi giorni di campagna elettorale.  Come numerosi sono stati gli appelli inviati dai vari schieramenti al Prefetto di Napoli Andrea De Martino e a Carabinieri e Polizia chiamati a vigilare prima sulla campagna elettorale, poi sul voto di domenica e lunedì.

GENNARO DEL GIUDICE

LE FOTO
[cronacaflegrea_slideshow]