Francesco Maione - FLI

POZZUOLI– Il partito di “Futuro e Libertà” attraverso il vice coordinatore regionale della Campania Francesco Maione ha annunciato un’interrogazione parlamentare sui soldi spesi dal commissariato di governo sul territorio di Pozzuoli.  «I poteri commissariali hanno prodotto sul territorio flegreo una serie di ritardi nella realizzazione di opere importanti e strategiche per la città: Rione Terra, Porto di Pozzuoli, Piano intermodale, e Piano di recupero per il dissesto idrogeologico – ha affermato l’ex parlamentare –  Sembrano rispondere spesso più alle esigenze di privati che non al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo prefissati anche con accordi di programma.

FALLIMENTO DEI POTERI COMMISSARIALI – Ad esempio come avvenuto per il Rione Terra, dove manca una rendicontazione dei 140 milioni di euro spesi, senza aver rispettato gli impegni sottoscritti. Annunciamo una serie di interrogazioni da parte del nostro gruppo parlamentare soprattutto sulle modalità di spesa dei fondi stanziati per i tanti interventi. Proponiamo l’eliminazione di tutti i poteri commissariali presenti sul territorio di Pozzuoli che sono stati alla base di una serie di fallimenti e che hanno impedito la trasparenza delle operazioni di sviluppo e progettualità»

CS