Il sindaco Iannuzzi premia il portiere Matafora

MONTE DI PROCIDA-SAVOIA  1-1

MONTE DI PROCIDA CAPPELLA: Matafora; Ursomanno, Cocciardo, Carlino, Prisco; Arenella (31’st Mautone), Greco, Orefice, Di Matteo; Armeno, Lauro (40’st Romano. A disp.: Del Giudice, Di Meo, Massa, Cuomo, Copellino. All. Ambrosino

SAVOIA: Vitiello; Terlino, Tessitore, Esposito, Amoruso; Nasto, Ottobre, Ianniello (44’st Pallonetto), Savarese (8’st Ferrara); Montaperto, Guarro (31’st Di Capua). A disp.: Laurino, Catalano, Fontanarosa, De Luca. All. Vitter

Arbitro: Capovilla di Verona (MArrone/Vietri)
Marcatori: 24’pt Savarese (S); 11’st Di Matteo (rig.) (MDPC)

NOTE: Spettatori: 900, di cui 200 ospiti. Ammoniti Cocciardo, Carlino (MDPC); Ottobre (S). Espulso al 12′ st Ottobre per doppia ammonizione. Osservato un minuto di raccoglimento in memoria della madre del calciatore Lubrano scomparsa in settimana.

MONTE DI PROCIDA – Il Monte di Procida Cappella vive la sua domenica di gloria. Ospita il Savoia, candidata numero uno alla vittoria del campionato. Un savoia che annovera tra le sue fila calciatori di categoria superiore, ma ciò nonostante i gialloblù riescono a fare la loro partita e fronteggiare le offensive oplontine.

Il premio anche per Terlino del Savoia

E’ subito Monte di Procida, che all’8′ si rende pericoloso con Di Matteo, ma la sua conclusione risulta debole. Pochi minuti più tardi è ancora Di Matteo a sfiorare il goal sfruttando un perfetto assist di Arenella, ma Amoruso è lesto a salvare sulla linea il colpo di testa del numero 10 montese. Dopo una mezz’ora senza sussulti il Savoia passa alla prima occasione. Su un tiro di Ianniello arriva il tap in vincente di Savarese in seguito alla ribattuta di Matafora. Primo tempo che termina dunque 1-0 per gli ospiti.

Nella ripresa Montaperto dopo appena un minuto di gioco si trova a tu per tu con Matafora che non sbaglia i tempi ribattendo in modo egregio la conclusione dell’esperto bomber del Savoia.
All’ 11′ Arenella si invola sull’out di sinistra, ma giunto in area viene atterrato e per il direttore di gara non ci sono dubbi: è calcio di rigore. Alla battuta va Di Matteo, che non fallisce la ghiottissima occasione e pareggia i conti. Dopo appena un minuto il Savoia perde il Capitano Ottobre per doppia ammonizione. Il Monte di Procida continua le sue offensive ma senza riuscire a concretizzare, nonostante il buon gioco. Termina 1-1. Un risultato che alla vigilia sembrava un vero proprio miraggio e che invece lascia il Monte di Procida ricco di impressioni positive.

LE INTERVISTE – Il tecnico Ambrosino, ricordato in modo esemplare dal tifo oplontino, è molto soddisfatto al termine del match: “Abbiamo giocato contro una corazzata che lotterà per la vittoria finale. Abbiamo disputato un’ottima gara creando diverse occasioni da goal e soprattutto siamo risuciti a tenere testa ad una grande squadta. I tifosi oplontini? Sono sempre eccezionali, c’è un affetto reciproco. Ho bellissimi ricordi dell’esperienza a Torre Annunziata e son contento di aver lasciato un ottimo ricordo”.

Il premio fair play “Sorriso e lealtà” è stato consegnato al portiere Matafora per il Monte di Procida e al terzino Terlino per il SAvoia. Ha premiato il Sindaco di Monte di Procida Francesco P. Iannuzzi.

REDAZIONE SPORTIVA