BACOLI – I rifiuti sulle spiagge, i lavori infiniti a Cuma, Scalandrone e alla stazione di Baia, l’edificio-mostro al lido Aurora di Miliscola, i laghi inquinati, i beni archeologici dimenticati, la distruzione della pista ciclabile e della stazione del Fusaro, le strade bloccate da interventi interminabili, la mancata valorizzazione dei beni pubblici e dei reperti archeologici. C’è di tutto nel report fotografico attraverso il quale Domenico Schiano di Zenise denuncia le annose problematiche presenti nella città di Bacoli.

DARE LA SVOLTA – «C’è poco da aggiungere a queste foto che ho scattato in giro per la mia città e che per me, e per tanti cittadini, non sono altro che un pugno nello stomaco -spiega Domenico Schiano di Zenise, candidato con la lista civica “Aurora Flegrea” a sostegno del candidato sindaco Giovanni Picone- Il mio intento non è certo quello di denigrare Bacoli ma semplicemente di mettere a conoscenza e stimolare i miei concittadini affinchè immagini del genere diventino solo un brutto ricordo.» 

L’APPELLO – Schiano inoltre lancia un appello a tutti i candidati a questa competizione elettorale, senza distinzione di colore, appartenenza e bandiera: «Mi appello alla futura classe dirigente e politica bacolese, a prescindere da chi vincerà le elezioni: io sono disposto a tutto, e dirò sempre “presente” a chiunque farà il bene di questa città. Un invito che rivolgo anche agli altri candidati: dopo le elezioni continuiamo a lavorare tutti insieme per non avere più una Bacoli così!»

LE FOTO DELLA VERGOGNA