Il volantino di protesta

POZZUOLI/QUARTO –  Mobilitazione generale contro il pericolo discarica al Castagnaro. Previsto per domattina alle ore 10 un corteo di protesta a Napoli, con concentramento fuori alla sede della Regione Campania a Palazzo Santa Lucia. I manifestanti si muoveranno alle 8 da Quarto, dalla piazza di Santa Maria per poi recarsi in corteo presso i palazzi della Regione Campania. “No alla discarica nè al Castagnaro nè altrove. Contro sacrifici, precarietà e devastazione ambientale: assediamo la Regione Campania” è lo slogan comparso su manifesti e volantini nelle due città flegree interessate al pericolo discarica.

FALANGHINA, MELA ANNURCA E MUNNEZZA – Intanto
continua la mobilitazione civica contro il progetto della Sap.Na e del commissario Vardè di localizzare una discarica nella zona del
Castagnaro dove smaltire il compost fuori specifica. Venerdì il
comitato per il no alla discarica parteciperà con le associazioni, i
movimenti civici e i semplici cittadini alla giornata di mobilitazione contro la discarica. Dalle 8.30 alle 11.30 ci sarà a Quarto lo sciopero generale, poi alle 12.30 conferenza stampa sull’invaso del Castagnaro con degustazione di vino falanghina e mele annurche: prodotti tipici del Castagnaro che saranno distrutte dalla collocazione eventuale della discarica, contravvenendo anche ad una legge del 2001 che tutela le produzioni Igp. alla giornata di mobilitazione parteciperanno i referenti del Comitato No alla discarica del Castagnaro, ma anche la senatrice Teresa Armato, membro commissione parlamentare Antimafia,la Coldiretti, i produttori vitivinicoli
locali (Cantine Grotte del Sole, Carputo, Di Criscio, Quarto Miglio etc.), i sindacati e le associazioni.

La conferenza stampa di questa mattina al comune di Quarto

VENERDI’ DI PROTESTA –   Con una conferenza stampa congiunta, il Sindaco di Quarto, Massimo Carandente Giarrusso, e il presidente del comitato “No alla discarica al Castagnaro”, Luigi Rossi, hanno spiegato le prossime azioni che l’Amministrazione e il Comitato intraprenderanno per scongiurare il pericolo di una discarica nella Cava del Castagnaro. “Noi del Comitato abbiamo organizzato una giornata di protesta per venerdì mattina, a cui speriamo aderisca tutta la cittadinanza per dare un altro segnale forte alle istituzioni preposte; da due giorni abbiamo istituito un presidio permanente nella zona e ci batteremo strenuamente per evitare questo disastro. Ringraziamo il Sindaco Giarrusso per quanto ha già fatto e quanto farà, almeno lui non ci ha lasciati soli”- ha dichiarato l’avvocato Rossi, presidente del Comitato.

SABATO CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO –  “Appoggiamo la giornata di protesta indetta per venerdì e invito tutti i cittadini ad aderirvi; noi lo faremo sospendendo le attività amministrative per quella giornata mentre per sabato 18 febbraio abbiamo convocato un consiglio comunale straordinario dove proporremo una delibera di consiglio che rafforzi la nostra tesi e spero che ancora una volta tutti i consiglieri di ogni partito aderiscano alla nostra proposta; in questo momento è utile ed importante mostrare compattezza ed unità di intenti. Ho chiesto, poi, per la prossima settimana, un confronto con la Provincia e la Regione: è ora che le istituzioni si assumano le loro responsabilità. Questo territorio ha già pagato in termini di ambiente e salute”- ha affermato il primo cittadino quartese.