GIUGLIANO – Aveva “speso” la forza intimidatrice dell’appartenenza al clan Mallardo, egemone nei Comuni del giuglianese, per estorcere soldi ad un imprenditore edile. Questa la tesi accusatoria caduta sulle spalle di Biagio Vallefuoco, alias ‘o Biasone, 50enne di Varcaturo, finito agli arresti domiciliari.

L’EPISODIO LO SCORSO GENNAIO – Il giudice per le indagini preliminari ha firmato un’ordinanza cautelare nei suoi confronti a seguito delle indagini dei carabinieri di Giugliano incentratesi attorno ad un episodio risalente allo scorso 18 gennaio. L’uomo avrebbe chiesto soldi all’imprenditore, farcendo il tutto con minacce di gravi ritorsioni in caso di rifiuto. Il 50enne risulta già noto alle forze dell’ordine.