POZZUOLI – I ladri non hanno risparmiato nulla, nemmeno magliette e mutande. Valige, borse, oggetti personali, documenti, soldi e tutto il necessario per quella che doveva essere una vacanza a Pozzuoli, la città che da anni aspira a diventare meta per un turismo di qualità. Ma sulla loro strada due turisti americani hanno trovato gli stessi ladri che da oltre una settimana stanno mettendo a ferro e fuoco mezza città, gli stessi che domenica scorsa, mentre Monterusciello bruciava, hanno scassinato e svaligiato numerose auto. Furti che vanno avanti da giorni in particolar modo in Via Carmine, via Rosini, via Solfatara, via San Gennaro e viale Capomazza.

AMERICANI SVALIGIATI – E proprio nella zona dove un tempo sorgeva il Municipio di Pozzuoli che domenica scorsa due coniugi americani di mezza età avevano parcheggiato la loro auto in attesa dell’orario per il check-in albergo. Una passeggiata per il centro, un breve spuntino prima di raggiungere l’Hotel “Gli Dei”, location per la loro vacanza flegrea. Ma appena arrivati nel parcheggio a strisce blu di viale Capomazza la scoperta: i vetri dell’auto erano stato mandati in frantumi, valigie, borse e 500 euro in contanti erano stati portati via, spariti nel nulla insieme agli autori del furto.

RITORNO A CASA – E il mondo che cascava addosso ai due turisti americani. Accompagnati dal personale dell’hotel sporgevano denuncia presso la stazione dei carabinieri. Una vacanza che in poche ore si trasformava in un incubo oltre che in un calvario: rimasti praticamente senza nulla, ricevevano qualche indumento dallo staff dell’hotel che per due giorni li ha ospitati in attesa del rilascio dei passaporti, anch’essi rubati insieme a vari oggetti personali. Poi la partenza verso gli Stati Uniti e l’addio alla città di Pozzuoli di cui, purtroppo, a causa di pochi delinquenti, resterà un amaro ricordo.