La fila di cassonetti all'esterno del "Domenico Conte"

POZZUOLI – Rifiuti e caldo un mix insopportabile. In assenza di azioni concrete da parte delle istituzioni, la disperazione fa aguzzare l’ingegno ai singoli cittadini. Così dopo i cassonetti fatti scomparire, rimossi o distrutti, ora arrivano anche i cassonetti “imballati”.

LA SOLUZIONE FAI DA TE – Siamo ad Arco Felice ai piedi dello Stadio “Domenico Conte”. Un punto che si potrebbe quasi definire come uno dei termometri della crisi rifiuti a Pozzuoli. Dove spesso si sono accumulate diverse tonnellate di rifiuti al punto che spesso è stato impossibile anche aprire i varchi al campo da gioco durante le manifestazioni sportive.

I cassonetti coperti dal telone e da un cartello

CASSONETTI “IMPACCHETTATI – Oggi fortunatamente i rifiuti sono stati rimossi, ma sembra che ai cittadini ciò non basti. La crisi ha portato ad “odiare” qualsiasi cosa che “abbia a che fare” con la spazzatura. E tra questi anche anche  i cassonetti, che in questa zona  sono stati addirittura “impacchettati”.  Infatti dopo essere stati rovesciati i contenitori per la spazzatura sono poi stati coperti da teloni verdi e imballati  con il “classico” nastro bicolore bianco e rosso. Infine,  al centro della fila di cassonetti è stato collocato un cartello con su scritto con un pennarello “I cittadini sono pregati di fare la raccolta differenziata”.

Il cartello che invita alla "differenziata"

Richiamo forse per coloro che in strada gettano di tutto.

UNA SOLUZIONE “AZZARDATA” –  Un invito lodevole peccato che per Arco Felice non esiste un piano di raccolta nè di umido nè dell’ indifferenziato casa per casa (almeno per ora) quindi l’eliminazione dei cassonetti non farà altro che gravare sulle zone limitrofe. Occorrerebbe pertanto una maggiore sorveglianza da parte delle istituzioni in modo che non ci verificano “soprusi” del genere.

ANGELO GRECO
[email protected]