Un treno della Sepsa

Buongiorno a tutti voi,
ancora una volta voglio segnalare i disagi continui che noi utenti della Ferrovia Cumana, gestita dall’Ente Autonomo del Voltuno, dobbiamo subire quotidianamente.
Con la ripresa dell’anno scolastico si evidenziano in maniera esponenziale i disservizi del trasporto pubblico locale in una città come Napoli, che tra ZTL e pista ciclabile, si preoccupa di salvaguardare l’ambiente senza considerare i disagi derivanti dall’inefficienza del trasporto pubblico locale.
In particolare, come più volte segnalatovi, io (che ho pagato un abbonamento annuale di ben 330 Euro) fruisco dei treni (se così possiamo definire dei rottami vecchissimi privi della benchè minima manutenzione) della Cumana almeno quattro volte al giorno. La mattina accompagno la mia bimba a scuola e ritorno a casa, prima di andare al lavoro. Più e più volte ho segnalato a tutti voi i continui disservizi che siamo costretti a subire improvvisamente senza un minimo di informazione. Da giovedì 13 c.m. è iniziato l’anno scolastico e i disagi della Cumana (che ad onor del vero non sono mancati neppure d’estate) sono ancor più evidenti. Proprio giovedì infatti, pare a seguito dell’improvviso sciopero dei casellanti che gestiscono i passaggi a livello, i treni circolavano solo nella tratta Agnano-Montesanto. Per la restante tratta è stato introdotto un servizio bus sostitutivo che però deve impattare con il traffico cittadino e le strette strade che impediscono il passaggio contemporaneo di due pullman.

Come conseguenza di tali inefficienze, giovedì sera, dopo aver finito di lavorare alle 21, sono arrivata a casa alle 22:45 dopo aver preso la Metropolitana (che ha pure effettuato un termine di corsa a Campi Flegrei) da Montesanto per Pozzuoli e dopo aver percorso una strada buia e desolata che conduce sul lungomare dove abito. Venerdi invece, sempre senza alcun preavviso, tutto è rientrato nella normalità (se così possiamo definire un collegamento con treni ogni 20 minuti!!!). Sabato mattina (ieri) invece, dopo aver preso il treno per recarmi al lavoro delle 7:57 da Gerolomini per Montesanto, al ritorno son salita sul treno delle 13:42 da Montesanto per Pozzuoli. Ebbene, arrivati ad Agnano, abbiamo scoperto che ancora una volta (pare sempre a seguito di un improvviso sciopero dei casellanti) siamo stati costretti a scendere per aspettare il pullman verso Bagnoli. Arrivati alla stazione di Bagnoli abbiamo atteso circa 30minuti prima che un nuovo treno mi conducesse finalmente a casa. Scesa a Gerolomini, ho guardato l’ora ed erano le 15:10.

In sintesi, un’ora e 30 minuti per percorrere una tratta che normalmente impiega 17minuti (come si può evincere dal sito della Sepsa al seguente link http://www.sepsa.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/39). Inutile dire che sono disgustata dal fatto che è da un anno oramai che segnalo tali disservizi a tutti voi e nulla è cambiato, se non in peggio!!!
Soltanto pochissimi di voi hanno risposto alle mie mail inviandomi gli atti e le iniziative effettuate nei confronti della Sepsa. Persino l’assessore ai trasporti Vetrella mi ha scritto un paio di volte e mi ha inviato un piano di ritorno alla normalità che sinceramente ritengo completamente disatteso. Ribadisco la mia più completa solidarietà nei confronti dei dipendenti della Sepsa e dei dipendenti della ditta di pulizie e della ditta che gestisce i passaggi a livello, i quali effettuano questi improvvisi scioperi a causa del mancato pagamento delle retribuzioni in maniera puntuale.

Detto questo però ed alla luce dei fondi per 25,5 milioni di € (come si evince dal link http://www.epressonline.net/joomla/napolinews/47-notizie/2555-trasporti-in-campania-in-arrivo-255-milioni-da-roma.html) sbloccati dal governo ed alla luce della notizia secondo cui dal 17 settembre ci saranno 26 corse in più per la Circumvesuviana (gestita sempre da Eav come si evince dal link http://www.regione.campania.it/portal/media-type/html/user/anon/page/HOME_DettaglioRegioneInforma.psml?itemId=4744&ibName=NotiziaHomePage&theVectString=-1%2C-1%2C1159) richiedo un intervento serio ed immediato per il ripristino di un servizio efficiente.
Viceversa sarò costretta a presentare delle denunce allegando tutte le mail che da un anno a questa parte hanno coinvolto tutti voi.

Attendo fiduciosa una presa di coscienza ed un serio ed immediato intervento

Grazie
Stefania
da: [email protected]