Un box dell'amore al "Love Parking" di Pozzuoli

POZZUOLI – Non si sono fatte attendere le reazioni dopo la decisione del comune di Pozzuoli di chiudere il “Parco dell’Amore”.«Il comune di Pozzuoli  ha chiuso il Parco dell’ amore – ha dichiarato il leader dei Verdi Francesco Borrelli – Ha bocciato la scia dei due giovani imprenditori perchè a loro avviso non sarebbero stati rispettati i parametri urbanistici con addirittura violazioni paesistiche e facendo ricorso a tutti i cavilli burocratici possibili ma in realtà attuando una precisa volontà del Vescovo e del Sindaco. Infatti parliamo di strutture semovibili che sono nulla rispetto agli abusi edilizi e gli obbrobri tollerati nei Campi Flegrei negli ultimi decenni e contro i quali il comune ed la Chiesa non si sono opposti. La curia è arrivata addirittura a definire il Parco dell’ Amore “una discarica di immoralità. Fatto sta che purtroppo questa attività innovativa e sicura per i nostri giovani è stata annientata da un mix di clericalismo e amministrazione bigotta che a parole dicono di volere promuovere l’ imprenditoria giovanile ma nei fatti distruggono qualsiasi novità che non è controllata o gestita da loro stessi. In questo caso i giovani avevano realizzato un’ attività senza neanche chiedere fondi pubblici e senza affidarsi al padrino politico di turno e sono stati travolti dal potere costituito ostile ad ogni novità. Noi offriamo assistenza legale gratuita alle due vittime di questa palese ingiustizia»

LA RABBIA DEI GIOVANI – “Dobbiamo ribellarci. Per questo abbiamo deciso di convocare una manifestazione pubblica sabato prossimo proprio sul parco dell’ amore  annunciano i responsabili regionali dei Giovani Verdi della Campania Fausto Colantuoni e Marco Gaudini – per protestare contro questa palese ingiustizia nei confronti dei giovani, dell’ imprenditoria giovanile e della nostra libertà. Non possiamo accettare che per avere la nostra intimità in un luogo controllato e sicuro dobbiamo andare o in costosi alberghi o in luoghi appartati ma non sicuri. Il Vescovo di Pozzuoli ci metta a disposizione uno dei tanti siti della Chiesa per i quali non paga l’ imu per permetterci di avere intimità senza giudicarci o farci la morale».