La fiaccolata

QUARTO –  Mille fiaccole hanno illuminato le strade di Quarto e accompagnato il corteo organizzato per dire “No” alla realizzazione di una discarica al Castagnaro. Un lume di speranza per le circa mille persone che questa sera hanno sfidato il freddo scendendo in strada per partecipare alla fiaccolata. Studenti, lavoratori, famiglie, commercianti, associazioni, comitati, rappresentanti delle istituzioni, della politica e della Chiesa con in testa padre Alex Zanotelli hanno preso parte al corteo partito dalla chiesa del “Divin Maestro”  e che ha attraversato le strade del centro storico cittadino. Alla testa del corteo, insieme al sindaco di Quarto Massimo Carandente Giarrusso, anche il sindaco di Bacoli Ermanno Schiano e il vicesindaco di Monte di Procida Paolo Scotto di Frega.

POZZUOLI ASSENTE –  Assenti invece i rappresentanti del comune di Pozzuoli, in primis  il commissario prefettizio Ugo Mastrolitto. La fiaccolata, accompagnata dalle preghiere di Don Genny, è terminata nella piazza di Santa Maria, all’esterno dell’omonima chiesa. A prendere la parola il primo cittadino di Quarto, dopo che alcuni bambini avevano posato dei cesti con i prodotti del Castagnaro: arance, mele, mandarini, castagne e limoni, i frutti di quella terra che nel programma sul ciclo dei rifiuti dovrebbe raccogliere nelle sue 2 cave i rifiuti classificati CER 19.05.03, ossia compost fuori specifica.

PENSIERO UNANIME –  «Dobbiamo ragionare con un’unica mentalità flegrea. Andremo in Regione per dire “No” alla discarica perché il nostro territorio ha già dato molto» ha detto dal palco il sindaco di Bacoli Ermanno Schiano. Parole le sue condivise dallo stesso Giarrusso e dal vicesindaco di Monte di Procida Scotto. Giarusso ha inoltre ringraziato le tante persone che stanno partecipando alla lotta, dagli studenti ai comitati fino ai membri dell’opposizione. Posizioni condivise  dai primi cittadini e confermate dai rispettivi consigli comunali che in maniera unanime hanno bocciato l’accordo di Programma sul ciclo dei rifiuti proposto dalla Provincia di Napoli. «Bisogna far ragionare gli amministratori e condannare la politica dei rifiuti – ha infine concluso dal palco padre Alex Zanotelli esortando tutti a non demordere.

GDG

LE FOTO DELLA SERATA (di Angelo Greco)
[cronacaflegrea_slideshow]