Il 72enne è stato arrestato a Capodimonte

CAPODIMONTE –  Gli assuntori di cocaina della zona, sapevano bene che bastava stazionare pochi minuti fuori il “basso” ove abitava Giuseppe Esposito Moschella, pregiudicato di 72 anni, per essere contattati dall’uomo che li riforniva delle dosi di droga richieste. Nel tardo pomeriggio di ieri, un’autovettura ferma fuori l’abitazione del 72enne, conosciuto per i suoi trascorsi giudiziari, ha insospettito gli agenti del Commissariato di Polizia “S. Carlo Arena” che hanno voluto vederci chiaro, osservando a distanza i movimenti dell’uomo.

COCAINA –  Così il pregiudicato, dopo essere uscito dalla sua abitazione ed aver confabulato con il conducente dell’autovettura, si è recato al marciapiede di fronte prelevando, tra un’autovettura in sosta ed il muro che delimita la strada, 8 dosi di “Cocaina”, abilmente custodite all’interno di un foglio di giornale. La presenza dei poliziotti ha impedito che la consegna fosse portata a termine.

L’ARRESTO –  I poliziotti, infatti, si sono avvicinati all’uomo per bloccarlo. Inutile è valso il tentativo dell’uomo di urlare, nel vano tentativo di attirare l’attenzione di amici e parenti, al fine di creare trambusto utile per far sparire droga e soldi. Dopo aver fatto cadere a terra l’involucro contenente droga, si è intrufolato in casa per nascondere, in un cassetto del comò in camera da letto, la somma di 80 euro anche questa recuperata dagli agenti. Lo spacciatore è stato arrestato e condotto al Carcere di Poggioreale.