Il tifo granata ai tempi della c/2

POZZUOLI – Manca poco e tutto sarà più chiaro. Ad oggi l’Internapoli città di Marano è sempre più vicina a tramutarsi in Internapoli Puteolana. Tra Di Marino eRoberto Righetti, il promotore del ritorno della serie D nazionale al “Domenico Conte”, c’è stata la stretta di mano definitiva. Sulla parola l’accordo tra il presidente dell’Internapoli e l’ex vicepresidente della Puteolana e della Sibilla è stato raggiunto. Il nero su bianco arriverebbe più in avanti. Tra galantuomini le parole valgono più di mille contratti, come si suol dire. Stando ai rumors delle ultime ore, inoltre, la nuova dirigenza disposta a fare calcio a Pozzuoli

IL RUOLO DEL NEO SINDACO – Oggi intanto Vincenzo Figliolia è nuovamente il sindaco di Pozzuoli. Ai tempi del suo primo governo cittadino la Puteolana non giocò la semifinale play off per la C1 contro il Catanzaro al Conte bensì al Santa Colomba di Benevento. L’opera di Figliolia non bastò per giocare la gara d’andata di quella post season ad Arco Felice. L’estate successiva invece Figliolia fu l’artefice del mancato passaggio ad Ischia dei diavoli rossi di Attilio Cesarano. Il Palazzo romano bocciò il trasferimento dell’attività agonistica da Pozzuoli a Ischia. Figliolia ha incontrato i promotori del progetto di rinascita del calcio a Pozzuoli e ha chiesto da primo cittadino puteolano un’unica garanzia: sui media la squadra dovrà chiamarsi Puteolana. Deve tornare il nome Puteolana anche sui manifesti da affiggere in Città.

Roberto Righetti

RITORNA IL NOME PUTEOLANA? –  Allo studio così c’è la possibilità di modificare la denominazione sociale entro il 15 giugno. L’Internapoli resterebbe in vita attraverso scuola calcio e settore giovanile. Per Coni, Figc e Lega Nazionale Dilettanti, la squadra andrebbe a prendere il nome di Puteolana I. Con il cambio di denominazione, e con la residenza puteolana, la compagine attualmente in biancazzurro diventerebbe a tutti gli effetti un team cittadino, usufruendo così anche della tariffa comunale per l’utilizzo del “Domenico Conte”. La prima squadra si allenerà al Conte solo il giovedì e il sabato, oltre agli impegni ufficiali nel torneo di serie D, e della Juniores.

RIGHETTI PRESIDENTE – A Roberto Righetti la carica di presidente. Laziale d’origine e di cadenza, ormai puteolano a tutti gli effetti. Papà e nonno di puteolani, non vede l’ora di respirare l’aria del “Conte”. L’ultima esperienza all’Atletico Puteolana gli è andata male: ora ci riprova con un Di Marino in più, e con una Città che è pronta a sostenerlo. Consapevole, forse, che questa è l’ultima occasione per la rinascita del calcio che conta nella “terra del mito”. Il patron dell’Internapoli  lascerà a Righetti la carica di presidente.

Tommaso Manzo ai tempi della Sibilla

LA PANCHINA A SORRENTINO?– Capitolo allenatore, per adesso è Sorrentino il mister. Non siamo in tempo di campagna elettorale, ma ci sono tanti che sono scesi in campo per “portare” il loro candidato a quella che doveva chiamarsi InterPuteolana e ora sta diventando Puteolana I., per la volontà della Città. Ambrosino, Campilongo, o Potenza. Le tre candidature forti non dovrebbero bastare per allontanare il tecnico Corrado Sorrentino dalla panchina dei futuri granata. L’ex capitano dell’Internapoli, alla corte di Marino ha ottenuto ottimi risultati sia in Eccellenza che in serie D. Il fedelissimo di Di Marino resta così al suo posto, anche se dovrà stare molto attento al pressing in corso di svolgimento da parte dei “pr” del calcio mercato. Sorrentino intanto si sente in una botte di ferro. “Sarebbe bellissimo fare calcio in una piazza come Pozzuoli. Per un progetto più ambizioso, Pozzuoli è la scelta giusta. Il presidente Di Marino è entusiasta dopo aver ascoltato la cordata puteolana”, ha riferito ad un sito del Vesuviano, il tecnico, non solo preparato come mister ma anche culturalmente.

MERCATO – Calcio mercato. Righetti vuole riportare il pupillo Manzo a Pozzuoli. Possibile anche il ritorno del difensore Mario Terracciano. Farebbero carte false per vestire la maglia granata della futura Puteolana-I., altri calciatori puteolani come l’interno di centrocampo Enrico Del Giudice e il jolly Paolo Sardo, fratello del più famoso e titolato Gennaro, terzino destro del Chievo, in massima serie.

ANTONIO RUSSO