Antonio Napolitano suo il rigore della vittoria

POZZUOLI – Seconda vittoria consecutiva per la Puteolana 1902, in una gara sgorbutica, non certo sfavillante ma che i granata hanno ben condotto con abnegazione e cattiveria su ogni pallone. Si gioca in una cornice da ricordare, gli 800 tifosi sugli spalti, con circa 200 tifosi ospiti, hanno dato giustizia al prestigio del match. Sorrentino sceglie di non scoprirsi troppo sulle fasce ed inserisce Sabia a destra quando tutti si aspettavano il ritorno di Errico dopo la squalifica. Al centro confermatissimi Signore e Luongo mentre sulla sinistra spazio a Di Mase ottimo a Battipaglia. In mezzo al campo Scognamiglio con Volpe al centro e Lepre e Napolitano a sulle fasce, mentre Murolo in attacco ha preso il posto dello squalificato Letizia in coppia con Riccio. Per tutto il primo tempo i granata tengono sladamente le redini del gioco in mano, senza mai rischiare nulla e denotando una certa sicurezza, che nelle passate partite, sembrava essere mancata. Il Foggia si difende senza grossi affanni ma non punge mai così termini il primo tempo senza sussulti di rilievo. Ad inizio ripresa il Foggia cerca di impostare gioca ma i rischi per Ciccarelli sono relativi e quando l’estremo è chiamato ad intervenire lo fa senza affanni.

L’EPISODIO – Al 67′ la svolta del match, il direttore di gara concede un rigore per un tocco (che forse non c’è) su Napolitano, lo stesso 7 granata si porta sul dischetto è realizza l’1 – 0. Il Foggia si butta a testa bassa in avanti e chiude i padroni di casa nella loro metà campo, e ci vuole il miglior Ciccarelli per evitare il pareggio e quando non ci arriva l’estremo granata ecco che il palo sventa la beffa ai granata. La gara termina sull’1 – 0, tre punti difesi con le unghie e con i denti, con questa determinazione la salvezza può essere a portata di mano.

IL MIGLIORE – Difficile trovare un migliore in una gara corale e di carattere, ma il gol ritrovato fa pendere il piatto della bilancia a favore di Napolitano che finalmente si è sbloccato. Bene la difesa in blocco con la coppia Signore – Luongo che per la seconda domenica consecutiva hanno innalzato una vera e propria barriera davanti a Ciccarelli. Domenica si va a Potenza, contro i lucani che non paiono certo una corazzata, tornare a casa con altri punti sarebbe un ulteriore iniezione di fiducia prima delle due gare casalinghe con Matera e San Antonio Abate. Dopo le prossime tre partite la classifica dei granata potrebbe sorridere alla troupe di Sorrentino.

ANGELO GRECO