L'esultanza di Letizia dopo il goal

POZZUOLI – Una Puteolana convincente, aggressiva e determinata batte il Nardò 1 – 0. Uno score bugiardo che non da l’idea di un match a tratti dominato dai granata di casa che hanno avuto in un Letizia incontenibile, per lui oltre al goal due pali colpiti, e Signore baluardo insuperabile in difesa due punti di riferimento costanti in tutto il match.
IL MATCH – Eppure dopo la traversa colpita da Napolitano, il match si complica terribilmente con Di Domenico che è costretto ad uscire per una distorsione al ginocchio destro, per lui si teme un lungo stop, enorme tegola per Sorrentino che aveva già fuori Imbriaco e LuoNgo per squalifica. Mister Sorrentino però inserisce Lepre e arretra Napolitano (partito terzo attaccante) mossa che si rivela azzeccatissima. Dopo un gol divorato da Napolitano ben imbeccato da Letizia è lo stesso Letizia a mettersi in proprio, prende palla ai 40 metri semina tre avversari come se fossero birilli ed appena entrato in area insacca alle spalle di Novembre. Pochi minuti e lo stesso Letizia può raddoppiare, con un tiro secco dal limite che però si stampa sul palo alle sinistra dell’estremo pugliese. Il Nardò trova pochissimi spazi e quando arriva a concludere trova un sempre attento Alcolino. La seconda frazione non arriva la reazione ospite anzi è la Puteolana a sfiorare il raddoppio, con Lepre, Napolitano ed il secondo legno colpito da Letizia che supera anche Novembre ma da posizione defilata colpisce il terzo legno granata della giornata. Una gara ben gestita dalla Puteolana che poteva, con un pizzico di fortuna e lucidità essere chiusa prima.
IL MIGLIORE –  Letizia ha messo a ferro e fuoco la difesa avversaria con un goal due legni e tanti spunti interessanti, ma la palma di migliore in campo deve essere divisa con Signore, che nonostante ancora in ritardo di condizione, causa infortunio, ha sfoderato una prestazione da grande difensore di categoria.

Mister Corrado Sorrentino

LE INTERVISTE – Provato ma raggiante mister Sorrentino, che prima di analizzare la gara spiega il perché del silenzio stampa voluto in settimana e rotto solo nel dopo gara di oggi: «Il silenzio stampa voluto in settimana era solo un modo per ritrovare la concentrazione dopo la sconfitta di Monopoli isolandoci da tutto. Abbiamo disputato un’ottima gara dimostrando una superiorità chiara, nonostante tutto si sia complicato con l’infortunio di Di Domenico. Oggi abbiamo giocato come vogliamo noi aggressivi, concentrati e soprattutto con il cuore, forse abbiamo un po’ di tecnica in meno rospetto agli avversari ma oggi abbiamo dimostrato che possiamo vincere con il carattere». Dopo anni la Pozzuoli calcistica ha un suo nuovo idolo è Antonio Letizia, una prestazione da incorniciare con giocate da funambolo che hanno infiammato il pubblico puteolano e Letizia ricambia subito l’affetto ricevuto «Questa città meritava una prestazione del genere, voglio ringraziare la società ed il presidente che mi hanno dato la possibilità e l’onore di giocare qui. Spero di poter fare ancora goal lo scorso anno ne ho segnati 25 in eccellenza, magari ne faccio 15 in serie D. Il goal lo voglio dedicare a mio padre che è in ospedale a mio fratello e poi a Vitale Di Domenico infortunatosi oggi». Domenica si va ad Ischia ad affrontare la corazzata di Campilongo con il sorriso sulle labbra

AG