Antonio Napolitano è stato il miglior realizzatore lo scorso anno in maglia Internapoli

POZZUOLI – Sei punti in due partite, quattro gol fatti zero subiti, testimonianza di un equilibrio ritrovato. Una classifica che ora sorride ai granata, ma guai ad abbassare la guardia. Lo sanno bene in casa Puteolana e si preparano così al prossimo trittico di partite: la trasferta di Potenza e gli incontri casalinghi con San Antonio Abate e Matera. Match che potrebbero dare la giusta sentenza sulle ambizioni di questa Puteolana: salvezza sudata o campionato tranquillo ricco di soddisfazioni.

POTENZA TRASFERTA NON IMPOSSIBILE – Il Potenza attualmente è penultimo in classifica con soli cinque punti all’attivo, otto in meno dei granata, figli di una vittoria e due pareggi. In casa i potentini hanno ottenuto solo una vittoria e quattro sconfitte, con tre reti all’attivo e nove al passivo. La sterilità offensiva dei lucani unita alla solidità difensiva data dalla coppia Signore – Luongo potrebbe essere proprio l’arma in più dei granata in una trasferta che non pare certo impossibile. Una nuova vittoria esterna scaverebbe un bel solco tra i granata ed i lucani e rilancerebbe i granata verso le zone alte della classifica. A Potenza per Sorrentino avrà nuovamente a disposizione Letizia ma dovrà rinunciare a Napolitano che per raggiunto limite di cartellini verrà fermato dal giudice sportivo.

CHI PER NAPOLITANO? – Diverse le soluzioni a disposizione di Sorrentino, dall’utilizzo di uno tra Perillo, Amato e Sorrentino allo spostamento Sabia sulla linea dei centrocampisti per facendo rientrare Errico in difesa. Sorrentino potrebbe anche optare per un centrocampo a tre (con Sabia assieme a Volpe e Scognamiglio) e Lepre spostato sulla linea offensiva. Intanto a breve verrà liberato Siciliano, che per comportamento non rispettoso delle regole interne della società è stato già messo fuori rosa dalla scorsa settimana. Le soluzioni per sostituire Napolitano ci sono, tempo per decidere pure e sopratutto, tecnico e squadra hanno dalla loro la tranquillità che le ultime due prestazioni e soprattutto i sei punti hanno portato in dote.

ANGELO GRECO